Sala Consilina, lavori “fantasma” al Canile Comprensoriale. I cittadini chiedono spiegazioni

Lavori “fantasma” al Canile Comprensoriale di Sala Consilina: due mesi dopo l’apertura del cantiere che avrebbe dovuto avviare il completamento della struttura, ben poco è stato fatto, e sulla vicenda esplode l’ennesima polemica.

 

 

CANILE COMPRENSORIALE SALA CONSILINA

A partire dai Social Network, dove video amatoriali realizzati da semplici cittadini ironizzano sul cantiere “fantasma”, la vicenda del canile voluto dalla Comunità Montana Vallo di Diano su richiesta dei sindaci valdianesi torna sotto i riflettori, quando ormai sono passati più di 8 anni dalla posa della prima pietra avvenuta il 26 maggio del 2009. Una storia infinita che per il momento non ha portato a nulla, e della quale le ultime puntate avevano visto il parlamentare del M5S Paolo Bernini lo scorso mese di maggio registrare davanti ai cancelli chiusi del Canile un video al veleno e lanciare forti accuse sullo sperpero di denaro pubblico avvenuto.

PREMONTAGGIO.00_00_44_02.Immagine039 CANILE-SALA-CONSILINA-RIAPERTURA-CANTIERE-7

Immediata era arrivata la risposta del Presidente della Comunità Montana Vallo di Diano Raffaele Accetta, che aveva annunciato querela per le dichiarazioni di Bernini. Il 29 maggio scorso, alla presenza del presidente dell’ente montano valdianese, i cancelli del cantiere si erano riaperti per fare entrare i dipendenti dell’Azienda Impresim S.r.l. dell’imprenditore padulese Angelo Caputo, che ha avuto in gestione il canile per 20 anni, e alla quale spetta il suo completamento. Ma a distanza di 2 mesi, a parte alcune operazioni di messa in sicurezza e di pulizia dell’area, è evidente che il completamento della struttura non è stato nemmeno iniziato.

ANTONIO GALLO CANILE COMPRENSORIALE SALA CONSILINA

E i cittadini chiedono spiegazioni, a partire dall’Attivista del M5S Antonio Gallo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *