Giornate Europee del Patrimonio. Nova Civitas “Boom di visitatori nei luoghi di cultura del Vallo di Diano”

Ottima partecipazione di turisti alle Giornate europee del Patrimonio nel Vallo di Diano. La Nova Civitas che ha coordinato e raccolto l’adesione di comuni, associazioni, diocesi e operatori culturali si dice “soddisfatta” non solo per i risultati ottenuti, con un’importante affluenza di turisti e visitatori ai monumenti e musei aperti in occasione della Giornata dedicata al Patrimonio Culturale, ma anche  “per la disponibilità delle amministrazioni comunali, della diocesi Teggiano-Policastro, di associazioni e privati che hanno creduto nell’iniziativa rendendo accessibili i propri musei”.

21687567_2403466063211743_937445755858114740_n teggiano 21687822_2403466146545068_7291491763921731571_n

 

La società cooperativa Nova Civitas di Padula ha coordinato l’apertura straordinaria dei luoghi della cultura nei comuni che hanno aderito alle Giornate Europee del Paesaggio.  Particolari apprezzamenti sono pervenuti dai visitatori stranieri presenti sul territorio che, sabato sera e in tutta la giornata di domenica, hanno avuto modo di scoprire un Vallo di Diano inedito attraverso la sapienza degli operatori museali di Nova Civitas, Paràdhosis, Società  “Torquato Tasso” e della sezione “P. Gallo” dell’Associazione “Amici del Presepio” di Padula .

21765120_10212430457268799_5267490974215622439_n 22007493_10212430574711735_4680102105846378141_n 21687970_10212430575191747_5864680766614763_n“Visitare un museo è un’esperienza di arricchimento personale, ancor di più se si è guidati da operatori specializzati che coinvolgono il visitatore trasmettendogli una buona carica emozionale” – ha sottolineato Giuseppe Verga, vice presidente di Nova Civitas -“per essere fruibile ed appetibile, un museo però ha bisogno anche di una strategia comunicativa di qualità e di servizi come biglietti e prenotazioni on line, percorsi multimediali e tecnologie digitali. L’obiettivo di Nova Civitas è proprio quello di applicare il proprio know how alle risorse culturali del Vallo di Diano, al fine di rendere il territorio appetibile per visitatori ed operatori turistici”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#