In auto con 20 cardellini presi illegalmente: arrestato un 52enne napoletano a Montesano sulla Marcellana

I carabinieri di Sala Consilina, coordinati dal capitano Davide Acquaviva, hanno tratto in arresto per furto venatorio un cinquantaduenne pluripregiudicato, contestualmente deferendolo per maltrattamento di animali, esercizio di uccellagione e uso abusivo di richiami vivi per la cattura di volatili, anche di specie protetta. Il tutto è accaduto a Montesano sulla Marcellana.

I militari della locale stazione, impegnati in servizi di vigilanza sull’attività venatoria clandestina condotti in località agricole e montane hanno sottoposto controllo l’uomo, originario di Ercolano, alla guida di un fuoristrada che, durante l’ispezione, mostrava segni di insofferenza. I carabinieri, eseguendo una perquisizione veicolare dell’autovettura, hanno quindi trovato 3 gabbie contenenti 20 cardellini vivi, appartenenti a specie protetta della famiglia dei fringuellidi e considerati fauna-bene indisponibile dello Stato e, dunque, sottratti al patrimonio naturale, nonché una busta di mangime e contenitori per l’acqua, utilizzati dall’arrestato per attirare nella gabbia gli uccelli. È stato accertato – secondo quanto riferiscono le forze dell’ordine – che l’uomo utilizzava alcuni di essi quali “richiami vivi” per attirare nelle gabbie gli altri volatili che sarebbero stati poi destinati al mercato nero con prezzi compresi tra i 25 ed i 50 euro l’uno, a seconda della varietà.

I carabinieri, in collaborazione con personale veterinario dell’ASL di Salerno, hanno attivato le procedure di affidamento degli animali ad ente di protezione faunistica per accertamenti zooiatrici e la successiva rimessa in libertà in area protetta. L’uomo è stato trattenuto all’interno delle camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Sala Consilina, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *