Crisi idrica da Monte San Giacomo a Sanza: proteste e provvedimenti “alternativi”

Continua la crisi idrica nei territori del Vallo di Diano. Sono, ovviamente, numerosi i paesi interessati da una situazione di siccità che crea numerosi disagi, proteste e provvedimenti. A Monte San Giacomo da tempo non viene erogata acqua nelle ore notturne. Questo per una dilazione delle risorse idriche affinché non ci siano problemi nelle ore diurne. Ma se da una parte l’amministrazione spiega che è un atto necessario per fronteggiare l’emergenza dall’altra i cittadini stanno cominciando a protestare e chiedono interventi e spiegazioni. “È dal 3 ottobre che siamo in questa situazione – scrivono – nessuno più ne parla”. Da Monte San Giacomo a Sanza. “Dato il protrarsi della crisi idrica – hanno fatto sapere dall’Amministrazione – è a disposizione della cittadinanza un’autobotte di acqua per uso domestico, nell’area antistante il Municipio in piazza XXIV maggio. Una soluzione tampone all’emergenza idrica che sta interessando la nostra comunità. Si comunica inoltre che, su richiesta dei cittadini, la stessa autobotte sarà dislocata nei quartieri dove è maggiormente avvertita l’assenza di acqua”. Il tutto in attesa della pioggia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *