Ospedale di Sant’Arsenio “fatiscente” : la denuncia di CIGL, Fials e C.U.R.O. in un documento a De Luca e Giordano

Le condizioni in cui versa la struttura ospedaliera di Sant’Arsenio, la relativa necessità di indire le gare di appalto per i lavori necessari,la possibilità che entro la fine dell’anno venga disattivato il punto nascite dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla: sono solo alcuni dei punti trattati nel documento a firma dei sindacati CGIL e Fials e del Comitato Curo e inviato al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e al Direttore Generale dell’Asl Salerno, Antonio Giordano.

“Nel marzo del 2017 -spiegano sindacati di categoria e Curo – avevamo lamentato la mancata assegnazione di investimenti sanitari utili a ristrutturare  il presidio ospedaliero di Sant’Arsenio e all’eventuale implementazione del presidio ospedaliero di Polla”. “All’epoca dei fatti – si legge sul documento – il Direttore giustificò le proprie scelte affermando che per gli strettissimi tempi assegnati avevano imposto l’inoltro dei soli progetti esecutivi cantierabili, presenti agli atti dell’uffici tecnici aziendali. Ma aveva rassicurato “in merito all’inserimento nei successivi stralci’.  Ad oggi, rimarcano sindacati e comitato,  non è dato sapere se gli uffici competenti si siano attivati per la realizzazione di quanto promesso”.

Una serie di motivazioni portano a questa preoccupazione. “Mancano anche gli atti di indizione di gara relativa ai lavori di riqualificazione ed adeguamento antincendio dell’ex ospedale di Sant’Arsenio. “La mancata conoscenza delle effettive esigenze del territorio, e in particolare dell’ex ospedale di Sant’Arsenio, ha fatto si che non siano stati finanziati, prima di ogni cosa, gli interventi urgenti di manutenzione straordinaria tesi alla conservazione dello stabile dove da tempo sono presenti abbondanti infiltrazioni acqua piovana dovuti alla fatiscenza  della struttura sanitaria”.

CGIL , FIALS e C.U.R.O.  chiedono che si intervenga “con urgenza e determinazione per dare risposte immediate alle istanze presentate. “Per la Struttura Sanitaria di Sant’Arsenio è necessaria l’attivazione immediata delle procedure per l’indizione dei lavori e per la progettazione definitiva relativa ai successivi stralci. Rispetto a queste richieste saremo estremamente vigili , termina il documento, per   evitare l’ennesima strumentalizzazione a fini elettorali di ciò che rappresenta un diritto per questo territorio molto spesso barattato con richieste o  realizzazioni campanilistiche e personali che nulla hanno a che vedere con  le domande e le aspettative  dei cittadini del Vallo di Diano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#