Migranti nel rimorchio di un’azienda di Polla al confine con la Francia. La Curcio Trasporti: “Abbiamo avvertito noi la Polizia”

Qualche giorno fa è diventato virale il video di sette presunti clandestini scoperti all’interno di un rimorchio di un autoarticolato di una ditta di trasporti di Polla. A scoprire i sette migranti che cercavano di superare il confine a Ventimiglia per andare dall’Italia alla Francia è stata la polizia avvertita proprio dall’azienda. Sul caso è voluto intervenire la ditta del tir – guidato da un conducente petinese.  La Curcio Trasporti ha rimarcato ancora una volta come l’azienda di trasporti con sede nella zona industriale di Polla abbia collaborato per sventare l’immigrazione clandestina.

“In relazione al video che sta girando in questi giorni sui social, che riprende un controllo della polizia stradale ad un nostro automezzo, da cui scendono sette immigrati, si precisa che il controllo nasce da una segnalazione diretta della nostra ditta, allertata dal proprio autista, insospettito dai rumori provenienti dal vano di carico del semirimorchio”. L’azienda del presidente Giuseppe Curcio ripercorre il tutto. “I nostri uffici operativi, dopo aver localizzato il veicolo per il tramite del sistema di rilevazione satellitare, lo ha comunicato al comando di polizia stradale più prossimo al veicolo stesso condividendo il piano di intervento con la  Polizia stradale di San Pier D’Arena (in provincia di Genova)”. Un ulteriore conferma a quanto ricostruito nelle ore successive alla pubblicazione dei social del video girato con uno smartphone. “La ditta Curcio collabora costantemente con le Forze dell’ordine per il contrasto di questo fenomeno illegale che, soprattutto nelle zone di frontiera è sempre più diffuso. Un particolare ringraziamento va alle Forze dell’ordine tempestivamente intervenute dopo la nostra segnalazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#