La Regione avvia la procedura di revoca dei finanziamenti della foresteria. Il Centro sportivo Merdionale controaccusa l’ente guidato da De Luca

Un braccio di ferro tra Regione Campania e Centro sportivo meridionale da oltre tre milioni di euro. Ovvero a quanto ammonta il finanziamento per la realizzazione delle foresteria all’interno del Centro sportivo meridionale e che servirà come “albergo” per gli atleti. Ovviamente in attesa che anche le strutture sportive siano terminate. La Regione Campania ha, infatti, avviato la procedura di revoca del finanziamento per il mancato termine dei lavori. Una richiesta pervenuta diversi mesi fa. A questa richiesta il Consorzio guidato dal presidente Vittorio Esposito ha risposto con toni duri e contro accuse. Il Consorzio in una serie di missive intestate all’ente regionale e alla sua giunta ha chiesto la proroga del termine per i ritardi nell’erogazione dei fondi da parte della Regione stessa. “L’ente regione avrebbe dovuto accreditare al Consorzio entro il 31 dicembre 2016 circa 2.940.000 euro viceversa in violazione alla convenzione ha bonificato un cifra di 600mila euro inferiore. Il minore importo erogato è stato accreditato con un ritardo medio, ingiustificato e ingiustificabile di 270 giorni. Il tal modo – accusa il Consorzio in una lettera firmata da Esposito – ha travolto l’ordinato svolgimento dell’appalto, causando il rallentamento, la sospensione e la mancata ultimazione dei lavori”. I Consorzio chiede di sospendere il provvedimento di revoca del finanziamento. In questa situazione occorre ricordare che la ditta che ha eseguito i lavori ha attaccato il Consorzio “di mancati pagamenti e lavori superflui”, che è in atto un collaudo per verificare lo stato di avanzamento dei lavori e che anche la Magistratura sta indagando sulla gara di appalto, con tre membri della commissione sotto inchiesta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#