La strada Polla-Teggiano sempre più “groviera”. Protesta da automobilisti e Codacons: “Condizioni inaccettabili”

La Strada provinciale tra Polla e Teggiano, soprattutto con il rettilineo che va dalla rotonda di San Rufo fino al centro della città museo del Vallo di Diano, torna a essere al centro di polemiche e proteste. Ma non solo. Anche dal tratto nei pressi del rondò tra Atena Lucana e San Pietro al Tanagro arrivano segnalazioni. Si tratta – ancora una volta – dello stato del manto stradale. Buche, dissesti vari, asfalto rattoppato fanno sì che percorrere questo tratto di strada diventi quasi un rally per i malcapitati automobilisti. E si segnalano diversi danni alle autovetture. Il rettilineo di Teggiano a causa dell’asfalto ma anche dello stato generale della strada con restringimenti vari, mancanza di segnalazioni orizzontali efficaci e presenza di detriti è forse uno dei tratti stradali più pericolosi del Vallo di Diano. Per questo motivo sono molteplici le proteste sia social che reali. “Il manto stradale è in pessimo stato – ha denunciato più volte Codacons -, con buche che rendono il tracciato molto accidentato, la segnaletica orizzontale era ed è del tutto assente e il sistema di deflusso delle acque piovane è in stato precario. In queste condizioni, la circolazione sulla SP 39 risultava e risulta pericolosa in condizioni climatiche non ottimali. Considerando poi che tale strada è percorsa da mezzi pubblici per il trasporto scolastico e da un traffico privato sostenuto, abbiamo scritto all’ Ente provinciale la richiesta dei cittadini del Vallo di Diano affinché venissero effettuati, con urgenza, lavori di messa in sicurezza della strada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#