In Campania nasce la Zona Economica Speciale: vantaggi per le imprese, ma non nel Vallo di Diano

Per favorire lo sviluppo in Campania nasce la Zes, la Zona Economica Speciale, che interessa 37 comuni di tutte le province, e nella quale non si pagherà l’Irap. Ovviamente la brillante iniziativa, prima in Italia ad essere approvata da una giunta regionale, si guarda bene dal coinvolgere il Vallo di Diano e il Cilento.

Le aree regionali interessate sono i porti di Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia e le relative aree retroportuali. In tali aree sono compresi gli aeroporti di Napoli e di Salerno; gli interporti «Sud Europa» di Marcianise-Maddaloni e «Campano» di Nola; gli agglomerati indutriali di Acerra, Arzano-Casoria-Frattamaggiore, Caivano, Torre Annunziata-Castellammare, Marigliano-Nola, Pomigliano, Salerno, Fisciano-Mercato San Severino, Battipaglia, Aversa Nord, Ponte Valentino, Valle Ufita, Pianodardine e Calaggio; le aree industriali e logistiche di Napoli Est, Bagnoli, Nocera, Sarno, Castel San Giorgio e Contrada Olivola. Rispetto ai 5.467 ettari assegnati alla Campania dal dpcm, la Giunta Regionale ne ha coperti 5.154, riservandosi una verifica sull’attuazione della Zona Economica Speciale e sulla sua delimitazione entro un anno dall’approvazione da parte della Presidenza del Consiglio. Ora si attende solo l’ultimo, scontato via libera dal governo. Nella zona speciale, che comprende 37 Comuni, sarà possibile investire a condizioni particolarmente convenienti, con un credito d’imposta per ogni iniziativa fino a 50 milioni (30 milioni in più di quelli riconosciuti oggi da un Contratto di sviluppo), l’esenzione dall’Irap (con un meccanismo di rimborso, dal momento che l’imposta non potrebbe essere eliminata dalla Regione pena la violazione delle norme Ue) e una semplificazione di norme che renderà più facili anche le assunzioni di nuovi lavoratori. Con una postilla: lo sviluppo, come Cristo, si ferma sempre ad Eboli.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#