Buonabitacolo, ore d’angoscia: droni ed elicotteri in campo per cercare Antonio Pascuzzo.

Continuano senza sosta le ricerche di Antonio Pascuzzo, il 18enne scomparso a Buonabitacolo e del quale da venerdì sera non si hanno più notizie.

Le ricerche sono cominciate lunedì, in seguito alla denuncia della scomparsa del ragazzo effettuata dal papà Giuseppe, ed hanno visto impegnate insieme alle Forze dell’Ordine i volontari della Protezione Civile di Padula.

b5912ecf-1b54-40e4-a595-bfea8260d092 d29e97a7-3382-4ed2-8879-0173ec33b5f7

I volontari padulesi, allertati dalla Sala Operativa Regionale su richiesta dei Carabinieri e del sindaco di Buonabitacolo Giancarlo Guercio, hanno impiegato tre squadre il primo giorno e due squadre i successivi nelle ricerche che hanno interessato tutto il territorio di Buonabitacolo. In campo anche il drone in dotazione ai volontari padulese, il cui occhio di falco ha scandagliato nono solo le aree urbane ma anche quelle periferiche, collinari e pedemontane. Alle ricerche hanno preso parte in questi giorni anche semplici cittadini della comunità buonabitacolese. Controllati i luoghi che, secondo anche amici e familiari, erano frequentati da Antonio, compresi diversi ruderi.

2e1f1f27-bd5e-462c-83b3-b0c3a3469b49

Le ricerche si sono svolte sia nella zona ai piedi del Cervati, ai confini con Sanza, che in direzione Casalbuono-Cerreta e anche in direzione Padula, sia verso Riofreddo che verso Montesano. Nella giornata di martedì è intervento anche il nucleo cinofili della Protezione Civile di Avellino, anche in questo caso però senza successo: i cani infatti non hanno fiutato nessuna pista.

a5479f9b-72f1-4d02-a848-ba7e7288b249 RICERCHE BUONABITACOLO DRONE

E anche della bicicletta, con la quale il ragazzo si sarebbe allontanato, non c’è traccia. Anche quella di oggi è una giornata importante per le ricerche, supportate per l’occasione anche da un elicottero dei Vigili del Fuoco oltre che dalle Forze dell’Ordine e dai volontari della Protezione Civile sul terreno. Insomma non si vuole lasciare nulla d’intentato anche perché, man mano che passano le ore, cresce l’angoscia da parte dei familiari e degli amici di Antonio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#