Sequestrati beni per 700 mila euro ad affiliato del clan “Serino”: tra i beni confiscati 365 capi di bestiame

 

I Carabinieri di Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Salerno, collaborati da quelli del Gruppo Carabinieri Forestale di Salerno, in esecuzione ad una sentenza di condanna emessa dal Tribunale di Salerno, hanno eseguito nei giorni scorsi a Sarno , la notifica del decreto di confisca emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Salerno, di tre aziende agricole di allevamento ovini, caprini e bovini (per un totale di 365 capi di bestiame), beni strumentali, conti correnti e due appezzamenti di terreno, per il valore complessivo di circa Euro 700.000,00, tutti beni riconducibili ad un soggetto del luogo, gravato da numerosi precedenti penali, nonché affiliato al clan  camorristico “Serino” operante nel territorio agro-nocerino-sarnese. Trattandosi di capi di bestiame, fondamentale è stato l’apporto, nella fase esecutiva, delle competenze specifiche dei Carabinieri Forestali. La medesima misura patrimoniale è stata applicata anche nei confronti dei familiari conviventi.  Il provvedimento scaturisce da mirate indagini patrimoniali, iniziate nel 2016 e  dirette  dalla D.D.A. della Procura della Repubblica di Salerno,  che hanno permesso di acclarare la sproporzionalità dei redditi percepiti rispetto al patrimonio accumulato. I beni sono stati affidati ad un Amministratore Giudiziario nominato dal Tribunale di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#