Vallo di Diano, è già iniziata la stagione raccolta funghi: bottino consistente per i primi fortunati “cercatori”

È partita alla grande la stagione di ricerca e raccolta funghi, una passione e un hobby che accomuna tantissimi “cercatori” anche in Campania e Basilicata, ed ovviamente nel Vallo di Diano.

raccolta funghi vallo di diano

Senza dimenticare l’aspetto della competizione, che ogni anno vede foto e video inviati agli amici per dimostrare la propria bravura, con inevitabili sfottò. Come ad esempio mostrano queste immagini, registrate ieri da un cercatore del Vallo di Diano, che ha raccolto nel suo cestino un bottino davvero invidiabile fatto in particolare di porcini, galletti e manuzze.

funghi

Quest’anno la raccolta funghi è partita molto in anticipo anche nel territorio valdianese, facilitata dalle condizioni climatiche che, con piogge ed umidità alternate al sole, hanno dato il via a quella che si preannuncia come una lunghissima stagione che si protrarrà fino al mese di novembre. Appassionati quindi sul sentiero di guerra nei tantissimi luoghi montani ricchi di funghi del Vallo di Diano, ovviamente nel rispetto di alcune regole fondamentali. In primis il permesso regionale per la raccolta, del quale è necessario dotarsi per non incorrere nelle sanzioni previste. Poi il limite massimo da non superare, che è quello di 3 kg in Campania.

1241bc66-7103-42b6-b305-ef0a904aaec2

E poi ancora l’utilizzo del classico cestino e non delle buste di plastica, la pulizia dei funghi che deve avvenire sul posto in modo che le spore possano cadere sul terreno. Ovviamente è necessaria una conoscenza approfondita delle varie tipologie dei funghi, e quelli che non si conoscono, o dei quali non si è sicuri, vanno lasciati al loro posto. Ovviamente poi il rispetto per l’ambiente, che richiede di non abbandonare rifiuti di nessun tipo lungo il proprio percorso. Ed il rispetto per la sicurezza, che impone di non accendere fuochi o gettare sigarette accese che potrebbero dare il via ad un incendio e all’ennesima catastrofe ambientale. Senza dimenticare di non allontanarsi troppo dal punto di partenza per non rischiare di perdersi. Se avete ben presente tutto questo, allora siete pronti a partire a caccia di funghi anche voi: e magari ad imitare questo fortunato “cercatore” valdianese, anche nell’inevitabile sfottò finale rivolto agli amici.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#