Il Club Alpino al fianco della comunità di Sanza: “Insieme per tutelare il Cervati da vandali e criminali dell’ambiente”

Il Club Alpino Italiano Cilentano si appella all’Ente Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, alle amministrazioni comunali, alle associazioni di volontariato e a tutti i cittadini attivi nel settore della tutela ambientale. “Dopo i gravi scempi ambientali ed incendi dolosi che nelle ultime settimane hanno devastato il vero cuore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, l’idea è di creare squadre di volontari per mettere in pratica attività ed iniziative per la prevenzione e tutela dell’ambiente montano. Non arrendiamoci, in questo momento bisogna far sentire la nostra voce e far vedere i fatti. Bisogna far capire che lo sviluppo del Cervati porterà progresso alla pastorizia, all’agricoltura e all’artigianato locale. Smettiamola di dire che il Parco pone in essere solo vincoli. Il Parco può e deve rappresentare il vero volano per la crescita ed il futuro della nostra Terra. Bisogna collaborare con tutte le realtà che vivono le nostre montagne dagli agricoltori ai pastori coinvolgendoli nelle nuove progettualità, ascoltando le loro richieste e rispettando il loro lavoro che per decenni ha reso possibile conservare una biodiversità unica all’interno del nostro Parco”.

Un intervento che nasce oltre che dall’incendio della baita da un altro caso a Sanza. Indagini a tutto campo da parte del comando della Polizia Municipale e dei Carabinieri forestali della stazione di Sanza su sollecitazione dell’amministrazione comunale che ha ricevuto diverse segnalazioni per alcuni lavori eseguiti lungo il sentiero della fede da ignoti nei giorni scorsi. Come evidenziato dalle immagini fornite da alcuni cittadini aderenti al Comitato Bene comune, dall’Arciconfraternita Maria SS della Neve e dai volontari del CAI, ignoti con l’ausilio di mezzi meccanici, probabilmente un ruspa, hanno sventrato parte dell’antico sentiero “della Fede” dalla località Corla e fino alla località Noce le Conche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#