Servizio mensa negli ospedali di Polla, Roccadaspide, Sapri e Vallo: scongiurati i licenziamenti dei dipendenti

Scongiurati 11 licenziamenti annunciati dalla Dussmann Service, la società che si occupa del servizio di ristorazione degli ospedali di Polla, Roccadaspide, Sapri e Vallo della Lucania. Le organizzazioni sindacali,  Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e UilTuCS-Uil nei primi giorni di luglio avevano proclamato lo stato di agitazione. La Dussmann aveva avviato le procedure di licenziamento collettivo per 11 lavoratori. Gli stessi sindacati avevano chiesto un incontro al Prefetto di Salerno, che si è svolto lo scorso 20 luglio. A seguito di questo incontro, tre giorni dopo, finalmente le organizzazioni sindacali sono riuscite a raggiungere un accordo con la Dussmann Service. L’accordo prevede prima di tutto il blocco della procedura di licenziamento, una riorganizzazione del lavoro a partire dal primo agosto, l’attuazione di interventi organizzativi mirati alla funzionalità del servizio -come più volte richiesto dalle 00.SS. che da vari anni seguono la vertenza- con un eventuale ricorso in misura solo residuale al fondo dell’Ente Bilaterale Turismo. Solo così si è riusciti  a mantenere i livelli occupazionali invariati e il ritiro della procedura di mobilità.  Le organizzazioni sindacali evidenziano, in una nota stampa, “come ancora una volta si sia riusciti ,anche grazie alla disponibilità dell’azienda, a tutelare tutti i lavoratori operanti su di un appalto che risulta essere in oggettiva sofferenza e cha da circa 13 anni viene gestito in regime di proroga dalla Dussmann Service. Le segreterie provinciali si ritengono soddisfatte di essere riuscite a tutelare tutti i posti di lavoro e di aver preservato l’occupazione, pur evitando facili populismi e preannunciano che manterranno  alta l’attenzione per la definizione della procedura di gara Soresa che l’Asl Salerno sostiene essere in via di affidamento”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#