Riprende la campagna di scavi nella grotta di Polla. Tornano gli archeologi dell’Universitò del Molise

E’ stato trovato l’accordo per far riprendere gli scavi e le ricerche nella grotta di Polla. Tra due settimane, infatti, torneranno gli archeologi dell’Università del Molise che da anni stanno lavorando all’interno della grotta alle pendici del convento di Sant’Antonio. In questi anni importanti sono stati i ritrovamenti da parte degli esperti guidati da Antonella Minelli. Alcuni scheletri e numerosi suppellettili sono stati ritrovati, catalogati e studiati con attenzione. L’accordo tra l’Unimol e il Comune di Polla, guidato dal sindaco Rocco Giuliano dura da diverso tempo e nei giorni scorsi c’è stato un nuovo incontro per rinnovarlo. Fondamentale in questo senso anche il lavoro del presidente della Fondazione Mida, Francescantonio D’Orilia, e della docente dell’Unimol Rosanna Alaggio, residente a Polla. Un lavoro di squadra per permettere uno studio accurato di una grotta che rappresenta un vero e proprio scrigno di tesori. Da tempo si prospetta anche un recupero per del turismo speleologico ma occorrono fondi importanti per pulire il sito dal tanto fango presente all’interno. Tante promesse ma ancora pochi fatti. E l’ingresso della grotta, pur se di proprietà del Comune, resta sempre di difficile accesso tra erba, legna e mezzi “abusivamente” parcheggiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#