La “storia infinita” della Frana di Auletta: a cinque anni nessun percorso alternativo “sicuro”

PIETRO PESSOLANO POLEMICA CONSORZIO PIANO SOCIALE DI ZONA S10“Nessuna novità importante in merito alla Frana di Auletta, che rimane e purtroppo resta al km 46 della SS19 delle Calabrie”. Tuona così il sindaco di Auletta, Pietro Pessolano in merito alla frana di Auletta avvenuta ormai quasi 5 anni fa. Nei giorni scorsi si è tenuto un sopralluogo su quello che viene utilizzato come percorso alternativo, alla strada statale chiusa, in merito al quale proprio il sindaco Pessolano  aveva chiesto lavori urgenti per rendere l’arteria secondaria sicura.  Una richiesta inoltrata all’Anas, alla Prefettura di Salerno alla Protezione Civile della Regione Campania. Ed il summit convocato era una buona occasione per trovare delle soluzioni. Un incontro al quale, invece, si è presentato solo un dirigente Anas, che ha solamente potuto assicurare di farsi portavoce delle istanze del primo cittadino.

addessoIntanto il Presidente del Comitato di quartiere “Ponte Nuovo” di Auletta, Christian Addesso, ha espresso tutto il suo rammarico per il mancato invito all’incontro convocato dal sindaco Pessolano. “Eppure, ha sottolineato Addesso, siamo gli unici ad tenere sempre alta l’attenzione sulla frana di Auletta. L’assenza dei funzionari , inoltre, rappresenta un fatto gravissimo. Siamo ritornati al 2014, come se la frana fosse accaduta solo il giorno prima. Ma tutti, invece, dimenticano che si tratta di una situazione che si protrae invece da circa 5 anni con il disinteresse di tutti, anche del Comune, che solo dopo tanto tempo si rende conto della necessità di un percorso alternativo “sicuro”. Quella strada infatti è già utilizzata da anni, da quei cittadini che altrimenti sarebbero completamente isolati. Il comitato, annuncia Christian Addesso, attiverà, forme di protesta tra cui anche il blocco degli svincoli autostradali. “E’ inammissibile che a cinque anni dalla chiusura di una strada statale non ci sia ancora un percorso alternativo”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#