San Pietro al Tanagro, il consiglio comunale dice no alla cittadinanza onoraria ad Angelo Petruccio. L’ira della consigliera Aromando

Una lettera aperta ai cittadini da parte del consigliere comunale indipendente dell’associazione Insieme, Piera Aromando, per segnalare quanto accaduto nell’ultimo consiglio comunale a San Pietro al Tanagro. La maggioranza, infatti, ha detto no alla proposta di conferire la cittadinanza onoraria al dott. Angelo Petruccio, vice ambasciatore in Niger e da sempre impegnato in attività solidali per la popolazione locale.

“Ieri per la prima volta in vita mia ho abbandonato l’aula consiliare tanto è stato forte il senso di dissenso per quanto accaduto – si legge nella nota a firma della Aromando – “Angelo Petruccio,  si è impegnato per far arrivare medicinali per curare bambini, giovani donne e giovani uomini in Niger. Non è di certo la prima azione umanitaria che compie e proprio in questi giorni, in collaborazione con l’associazione “+ INSIEME” di cui mi onoro di rappresentare, proprio nel nostro paese, abbiamo dato vita ad una raccolta beni di prima necessità da donare a due orfanotrofi del posto.  Angelo in questo momento – continua ancora la nota –  in quel posto, non rappresenta solo l’Italia ma rappresenta San Pietro, rappresenta ognuno di noi e quello che io chiedo al consiglio non è un atto dovuto ma un atto di sensibilità”.

Una lettera forte quella dell’Aromando che si dice delusa dalla politica. “Dopo ieri – si legge ancora – sono arrivata ad una conclusione che se la politica è questa allora QUESTA POLITICA non fa per me, perché ho visto persone votare contro questa proposta, le stesse persone erano certe che utilizzando l’arma della furbizia ne sarebbero usciti a testa alta e avrebbero fatto una figura migliore e allora no, questa politica non fa per me perché si sono attaccati alla forma, al modo in cui era stata presentata la proposta, si sono attaccati a quella stessa forma a cui loro non hanno mai badato e che li vede attaccati ogni volta .

Poi la Aromando nella lettera si rivolge ai giovani “a voi dico non abbassate mai la testa, combattete per i vostri ideali, dite sempre la vostra, camminate sempre a testa alta, rendetevi liberi al punto da poter guardare tutti negli occhi, siate liberi”.

Notizia letta 504 volte

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>