Sant’Arsenio, approvato il progetto esecutivo per i lavori di adeguamento dell’ospedale

Approvato il progetto esecutivo per i lavori di riqualificazione ed adeguamento normativo dell’ex presidio ospedaliero di Sant’Arsenio. Lavori per un totale di 696.000 euro, che potrebbero partire a breve ridando nuova vita alla struttura santarsenese. Il direttore generale dell’ASL aveva già approvato il progetto il 26 ottobre 2017, ma lo stesso progetto ha subito delle modifiche dovute al diverso utilizzo che l’ASL ha deciso di dare all’immobile che dovrebbe diventare una struttura utilizzabile per servizi di comunità e di assistenza. Approvato dunque il progetto, resta da espletare la gara per l’affidamento dei lavori, espletamento che tocca alla SO.RE.SA. in quanto Centrale Unica di Committenza Regionale che aggiudica appalti pubblici di lavori servizi e forniture destinate alle ASL.  Gli Ospedali di comunità sono strutture intermedie tra l’assistenza domiciliare e l’ospedale, una sorta di ponte tra i servizi territoriali e l’ospedale per tutte quelle persone che non hanno necessità di essere ricoverate in reparti specialistici, ma necessitano di un’assistenza sanitaria che non potrebbero ricevere a domicilio. L’ospedale di comunità ha di norma dai 15 ai 20 posti letto per pazienti, prevalentemente con patologia cronica, provenienti da una struttura ospedaliera, che clinicamente possono essere dimessi da ospedali per acuti, ma non in condizione di poter essere adeguatamente assistiti a casa; o per pazienti fragili e/o cronici provenienti dal domicilio. Gli Ospedali di comunità sono quindi uno strumento di integrazione ospedale-territorio e di continuità delle cure, erogate sulla base di una valutazione multidimensionale della persona da assistere, attraverso un piano integrato e individualizzato di cura. Non vanno intesi come strutture ex novo, ma come la riconversione di posti letto per la degenza in strutture già esistenti, che vengono rimodulate all’interno del nuovo modello organizzativo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#