“Una piscina di guai”: la seconda puntata de “Il Vallo Perduto”. Ecco come era la piscina quando funzionava

La piscina di Buonabitacolo, il suo degrado, l’abbandono totale della zona circostante, e quell’omicidio che ha lasciato il segno in una comunità intera. L’omicidio è di Antonio Pascuzzo a opera di Karol Lapenta che ha visto lo scenario della piscina come “complice” di quanto avvenuto. Sono questi i protagonisti della seconda puntata de “Il Vallo perduto”, la rubrica di Italia2tv per scoprire, far scoprire e soprattutto denunciare i luoghi perduti del Vallo di Diano. La piscina di Buonabitacolo è l’emblema di un fallimento generale, di sogni affogati in un’acqua che non c’è. La diatriba tra l’associazione al quale era stata affidata e le amministrazioni successive ha portato al lento disfacimento dell’area. Una situazione pessima e che fa male all’intero Vallo di Diano. Eppure la piscina – come possiamo vedere in queste immagini – era nata con tutt’altro scopo ma nel giro di soli pochi anni è caduta nel degrado. La puntata andrà in onda questa sera nel tg e si potrà anche vedere sulle pagine Facebook di Italia2tv e “Il Vallo Perduto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#