Basket, Serie C Silver: Epilogo allo sprint, la Folgore Nocera supera al fotofinish la Diesel Tecnica

Un urlo strozzato in gola, quando la vittoria sembrava ad un passo. La Diesel Tecnica Pallacanestro Trinità – caparbia e testarda fino all’ostinazione – rincorre per due quarti e mezzo la Polisportiva Folgore Nocera, completa la rimonta in vista dell’ultimo giro  ma – allo sventolare della bandiera a scacchi – esce sconfitta di stretta misura: 60-62. Il punteggio striminzito testimonia limpidamente il dominio delle difese sugli attacchi, assai spesso costretti a tenersi alla larga dall’area dei tre secondi. La vittoria dei gialloviola allenati da Marco Palomba (al primo centro in campionato dopo quattro sconfitte di fila) è la somma di tanti distinti fattori: una difesa sopra le righe per rallentare la circolazione di palla avversaria, l’applicazione metodica dei raddoppi sui tiratori più temuti, pressione e ancora pressione sul portatore di palla. Per quanto la Folgore abbia inevitabilmente risentito nel quarto periodo di un simile sforzo, i nocerini hanno comunque incassato i due punti in un finale emozionante e serratissimo, nel quale la Diesel Tecnica (senz’altro limitata dalle defezioni per infortunio di Piscicelli e Sorrentino) è stata tradita da piccoli ma decisivi dettagli – le basse percentuali in lunetta, per esempio. Ciò non toglie che i blue boys, usciti malconci da un finale di primo tempo giocato a bassa intensità, abbiano dato tutto per ribaltare l’esito di una serata parsa fin da subito complicata. La somma del primo tempo giocato a Baronissi contro la IMA Cava de’ Tirreni e degli ultimi 20′ della partita di domenica non frutta punti in classifica, naturalmente. Eppure, questo puzzle restituisce ai tifosi una squadra viva, benché ancora alla ricerca del miglior equilibrio tecnico-tattico. Il calendario, forse, non è benevolo con i bianco-azzurri, che domenica prossima renderanno visita alla lanciatissima Miwa Benevento. D’altra parte, però, si tratta di interpretare ogni sfida – anche la più improba – come una tappa di un processo di crescita che richiederà, inevitabilmente, tempo e pazienza.

Ferrara lascia Ambrosano fuori dal quintetto base, preferendogli Gianluca Campaiola.  Norci affianca il centro salese sotto i tabelloni. Alla voce fanteria leggera, Durante sostituisce Piscicelli, Fabiano e Capaccio presidiano il perimetro. La Folgore parte con un quintetto piccolo (Marco Torre, Abenante, Mascolo e De Martino), bilanciato dai centimetri e dai chili del senegalese Khalifa Babacar Diop. Nocera è fin da subito intraprendente: il maggiore dei fratelli Torre serve più di un assist vincente a Mascolo ed Abenante. La Diesel Tecnica lega le sue fortune alla vena di Fabiano – a segno dai 6.75 – e di un determinato Norci. Dopo la tripla del primo vantaggio salese firmata Capaccio (10-9 dopo 4′ di gioco), il quintetto dell’Agro inizia a collezionare recuperi e canestri in transizione: Mascolo completa il 6-0 di parziale che vale il +5 esterno a metà tempo. Trinità incontra non pochi ostacoli nei paraggi del canestro: Babacar Diop concede poca gloria sia a Campaiola, sia ad Ambrosano. La Diesel Tecnica prova a limitare le perdite con una tripla di Norci (13-15 al 7′), Nocera risponde senza  badare più di tanto ai convenevoli: dalla panchina spuntano Fabrizio Torre e Balzano, spalleggiati da Mascolo e Babacar. Nove punti di scarto al termine del primo quarto (13-22). Ferrara sceglie allora di abbassare il quintetto per sfruttare la velocità di Botta ed Altavilla. L’uscita di Babacar – sostituito dal pur bravo Merciai – offre ad Ambrosano e Campaiola l’opportunità di avvicinarsi al canestro. Parziale di 6-0 che riavvicina una prima volta i blue boys agli ospiti (22-24 al 12′). Con il secondo quintetto, la Folgore è decisamente meno performante su entrambi i lati del campo: alla tiepida vena offensiva (un solo canestro a referto in 5’30”) si aggiungono la minore efficacia della difesa a zona ed una gestione meno ortodossa dei possessi. Trinità sembra poterne approfittare (nuovo vantaggio interno sul 26-25), ma lo scenario muta nuovamente negli ultimi 2’30”: il ritorno in campo di Mascolo garantisce adeguati rifornimenti a Balzano ed Abenante. Il regista nocerino – con un passato di alto livello nelle minors nazionali – non è da meno quando attacca in isolamento: la Folgore chiude il primo tempo avanti di sette lunghezze, 29-36. Ambrosano concede un attimo di respiro alla Diesel Tecnica, nuovamente colpita al cuore dalle frecciate di Mascolo (17 punti, miglior marcatore in assoluto) e dai centri di Khalifa Babacar Diop: massimo vantaggio ospite sul +9 (33-42). Da quel momento in avanti, inizia la lenta ma decisa risalita dei bianco-azzurri: Ambrosano salda il conto con il canestro nocerino dopo tre tentativi consecutivi respinti dal ferro; Durante e Capaccio accumulano falli e tiri liberi; la difesa a zona schierata da Ferrara obbliga la Folgore a cercare soluzioni dalla media distanza che, a differenza di quanto accaduto nel primo tempo, non incontrano particolare fortuna. La decisa rincorsa dei bianco-azzurri si arresta sul -2 di fine terzo quarto (42-44). L’ultimo atto della recita procede per intuizioni dei singoli, colpi di scena ed occasioni mancate: la Folgore perde per raggiunto limite di falli Babacar Diop e De Martino, spendendo precocemente il bonus; Trinità si presenta ripetutamente sulla linea dei liberi, ma la precisione non assiste i padroni di casa. La Folgore si reinventa ancora una volta cacciatrice e cerca di assestare un colpo ferale alla sfida: Mascolo e Merciai guidano la squadra dell’Agro fuori dalle secche (44-52 al 34′). La Diesel Tecnica controbatte con un gioco più ordinato, anche a costo di tirare al limite dei 24″, e si riscopre battagliera in difesa: Ambrosano veste i panni del realizzatore (splendido un gioco a due confezionato con la complicità di Durante) e del rifinitore al servizio di Fabiano, a segno dall’angolo. Durante segna la tripla del -2 con poco più di 4′ sul cronometro, Capaccio pareggia a quota 54 con un raro 2/2 a cronometro fermo. Di Luise spezza l’entusiasmo del pubblico salese con l’unico canestro dall’arco della sua serata; la Diesel Tecnica regge l’urto, riportandosi nuovamente sul -1 (56-57). Ultimo minuto e mezzo: sorpasso bianco-azzurro con Durante, replica dal mezzo angolo di Mascolo (58-59). A 24″ dallo scadere, Capaccio prende il tempo alla difesa della Folgore: arresto e tiro dai cinque metri per il 60-59. Palomba chiama time-out e decide di giocare la rimessa da fondo campo. Nocera prova a muovere senza successo la difesa salese per una dozzina di secondi. Ci prova Abenante: la palla rimbalza sul ferro e finisce nelle mani di Ambrosano. Il primo arbitro (il picentino Alfonso Procida) fischia però una spinta di Norci su Fabrizio Torre: fallo e tiri liberi. La panchina salese manifesta vivacemente il suo dissenso: doppio tecnico fischiato a Norci e Piscicelli. Il giovane play della Folgore ha di fatto l’opportunità di chiudere i conti: il 3/4 complessivo lascia ai bianco-azzurri un’estrema speranza di pareggiare. Con 9″ a disposizione, Trinità costruisce il miglior tiro possibile: Ambrosano per Botta, tripla dall’angolo della giovane guardia salese che s’infrange sul secondo ferro, Fabiano prova invano a salvare il possesso. Rimessa nocerina con 2″ sul tabellone: Di Luise subisce un contatto e si presenta in lunetta. I suoi due errori sono ininfluenti: l’ultima preghiera di Ambrosano pizzica solo il tabellone. A volte il basket è così: crudele e spietato.

Testo di Carmine Marino

 

Serie C Silver, quinta giornata. I risultati

 

Forio Basket – Miwa Benevento 88-96; Basket Venafro – New Caserta Basket 41-83; Al Delfino Mugnano – IMA Cava de’ Tirreni 45-54; Centro Pasteur Parete – Sporting Portici 96-70; Promobasket Marigliano – Ca.&Bi. Saviano 81-66; Diesel Tecnica Pallacanestro Trinità – Polisportiva Folgore Nocera 60-62. Ha riposato: Bristoforno Curti

 

La classifica

 

Promobasket Marigliano 10; New Caserta Basket, Forio Basket 8; Miwa Benevento 8, IMA Cava de’ Tirreni, Centro Pasteur Parete 6; Diesel Tecnica Pallacanestro Trinità, Ca.&Bi. Saviano 4; Sporting Portici, Basket Venafro, Al Delfino Mugnano, Polisportiva Folgore Nocera 2; Bristoforno Curti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#