La Camera approva proposta sui prodotti a Km 0. L’idea è partita dal Vallo di Diano

Approvata alla Camera la proposta di legge del Movimento 5 Stelle sulla valorizzazione e la promozione dei prodotti agricoli e alimentari provenienti da filiera corta e a chilometro zero o utile per favorire il  commercio di prodotti del territorio, le economie locali per tutelare chi sceglie il cibo locale e chi lo produce.

16426739_747225472099717_381242951_nIn realtà questa proposta è partita dal Vallo di Diano: “Salviamo il km zero”, ed era stata formulata nel 2017 dall’attivista del M5S Giuseppe di Giuseppe e pubblicata sulla piattaforma Rousseau, il mezzo utilizzato degli iscritti certificati del Movimento 5 Stelle per proporre e scrivere le leggi che i portavoce del Movimento presenteranno in Parlamento. 

proposta di legge km zeroLo scorso anno Di Giuseppe aveva spiegato la proposta di legge nazionale alla nostra emittente.   L’obiettivo dell’attivista di Sala Consilina era proprio quello contenuto nell’attuale proposta di legge: “dare la possibilità ai produttori locali di avvicinare la clientela dei supermercati e della grossa distribuzione, integrando nei grandi punti vendita i prodotti delle aziende presenti sul territorio, al fine di incentivarne la promozione, la diffusione e garantire il diritto di scelta del consumatore. Resta da capire se si tratti di una utopia nell’attuale modello economico che vede mercati, produzioni e consumi condizionati dalla globalizzazione. Per Giuseppe Di Giuseppe, e per centinaia di migliaia di piccoli produttori locali, sarebbe stato un modo concreto per rilanciare l’economia territoriale,  comportando anche un vantaggio in termini di riduzione di inquinamento e costi per i consumatori. Lo scorso anno, Di Giuseppe ricordava alla nostra emittente di aver“ Già inviato la  proposta di legge  al sindaco e al Consiglio Comunale di Sala Consilina a fine 2014, per aprire un dibattito sulla valorizzazione delle produzioni agroalimentari salesi e del Vallo di Diano, senza però avere alcuna risposta”. 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *