MS Giacomo, Casa Surace, Il Palio del Grano e Grotta Briganti e Cacio protagonisti con Vincenzo Moretti il 4 gennaio

L’associazione “Grotta, Briganti & Cacio” apre il nuovo anno con un laboratorio di esperienze. Venerdì 4 gennaio, alle ore 18:30, presso l’Officina Cultura di Palazzo Marone a Monte San Giacomo, in “VISIONI DI COMUNITÀ. Storie di appartenenza a confronto”.

Le storie come strumento di condivisione d’identità e come stimolo per la creazione di nuovi scenari saranno il filo conduttore che unirà Casa Surace, Il Palio del Grano e Grotta Briganti e Cacio. Diverse per linguaggio, rappresentano tre realtà del nostro territorio che mettono al centro del loro lavoro le persone ed i loro legami con i luoghi di appartenenza. A tracciare il legame che unisce i ragazzi di Casa Surace, del Palio del Grano e di Grotta Briganti e Cacio sarà Vincenzo Moretti, il sociologo narratore autore di Novelle Artigiane, una delle sue storie che raccontano il lavoro ed il cambiamento. “Il recupero della nostra storia -sottolineano dall’Associazione- passa attraverso il racconto di testimonianze non scritte che vanno rivalutate. La capacità di osservare, la capacità di lavorare con pazienza, la capacità di accettare la complessità di un territorio, esaltandone la vocazione e creando opportunità di sopravvivenza, è quello che i nostri antenati hanno saputo fare. L’umiltà delle nostre piccole comunità ha saputo conservare il passato e i suoi significati: noi dobbiamo interpretarli per poter creare consapevolezza e poter così trasmettere questo patrimonio materiale e immateriale, creando un rinnovato senso di orgoglio di appartenenza. Crediamo quindi che bisogna dare voce agli uomini che ancora oggi custodiscono questo immenso patrimonio. Discutere per capire, per condividere chiavi e modelli interpretativi. Questo lo spirito del laboratorio che abbiamo voluto costruire per questa importante occasione di condivisione, per riflettere su quanto siamo riusciti a recuperare, lanciando sempre nuove sfide”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#