Poca neve e strade ghiacciate: la Provincia e Anas si dimenticano ancora una volta del Vallo di Diano

Una normale nevicata si trasforma in caos e disagi per i cittadini. E’ quanto accaduto nella giornata di ieri e anche per diverse ore della mattinata di oggi in molti comuni della Provincia di Salerno: in particolare nel Vallo di Diano, nel Tanagro, nella Valle del Sele e negli Alburni. Fortunatamente sono pochi gli incidenti registrati tra mezzi di trasporto e quelli accaduti sono di lieve entità. Stessa cosa vale per le persone che a causa delle strade ghiacciate hanno avuto piccoli incidenti fortunatamente anche in questo caso nessuno di grave entità.  E proprio il ghiaccio, formatosi sì per le temperature glaciali che si sono abbattute sul territorio, ma anche per incuria e atavico menefreghismo degli enti interessati alla pulizia delle strade ad aver creato i maggiori problemi. I centimetri di neve caduti in provincia di Salerno sono nella norma visto il periodo, ad eccezione dei paesi situati oltre i 500 metri dove la quantità di neve è stata maggiore ed i disagi anche notevoli. Non dovrebbero essere un’eccezione invece, vista anche la collocazione geografica del Vallo di Diano, del Tanagro e degli Alburni, cercare di  garantire sicurezza e la possibilità ai cittadini di spostarsi almeno sulle arterie principali. Ancora una volta sotto accusa i Provincia di Salerno e Anas. Alcune strade importanti di collegamento sono state proprio dimenticate o comunque pulite nel pomeriggio inoltrato di ieri. Tra i primi cittadini a protestare proprio contro le difficili condizioni di viabilità, il sindaco di Montesano, Giuseppe Rinaldi che su facebook ha scritto: “Superata l’emergenza faremo un’analisi… in particolare modo il ruolo della Provincia e non sicuramente per colpa di chi opera che anzi lavora con abnegazione ma credo la disorganizzazione stavolta emerga in tutto il Vallo di Diano”. Fondamentale ancora una volta nei territori salernitani colpiti dal maltempo il lavoro dei volontari della Protezione Civile che hanno garantito assistenza ad anziani e malati e soprattutto hanno provveduto a liberare le strade e a spargere sale sulle arterie principali dei paesi e anche nei centri storici completamente isolati. Purtroppo ancora una volta si registra nei territori al di sotto di Eboli la totale assenza delle istituzioni preposte ad intervenire in caso di maltempo. Questa volta per fortuna non si sono registrati gravi incidenti. Ma questa assenza pesa davvero tanto e  soprattutto ha fatto indignare i cittadini che soprattutto attraverso i social hanno espresso tutta la loro rabbia per i disagi che hanno vissuto per soli 10 centimetri di neve.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#