L’esempio arriva dai più piccoli. L’Asilo Nido di Sant’Arsenio è “Plastic Free”: a mensa solo oggetti riciclabili

L’asilo nido di Sant’Arsenio continua a portare avanti importanti attività legate a temi di attualità coinvolgendo i piccoli con grande entusiasmo. Tra gli ultimi progetti curato nei minimi dettagli e con grande professionalità dalle educatrici vi è quello relativo alla campagna “Plastic Free” promossa dal Ministero dell’Ambiente dallo scorso 4 ottobre 2018.

 

 

 

 

 

 

 

 

Da circa due mesi le educatrici dell’asilo nido di Sant’Arsenio hanno istituto a scuola la regola delle “4 R”: riduci e riutilizza, ricicla e recupera. Ebbene i piccoli sono coinvolti attivamente nell’applicazione di questa “nuova regola”: a mensa, infatti, oggetti di plastica come bicchieri, piatti, posate e bottigliette non sono consentite. I bambini infatti, per consumare il loro pranzo utilizzano uno specifico “Kit Mensa” costituto da materiale completamente riutilizzabile e riciclabile.

 

 

 

 

 

 

 

 

“Educare al rispetto per l’ambiente  è possibile già da piccolissimi, sottolineano le educatrici dell’asilo nido di Sant’Arsenio”. Naturalmente bisogna farlo con il giusto approccio, in particolare, nel caso specifico le educatrici per insegnare la nuova regola delle “4 R” si sono avvalse soprattutto delle immagini ed anche di racconti incentrati sui temi ambientali e sul rispetto della natura. Per cui anche temi complessi come questi, per bimbi così piccoli, possono essere tradotti in un linguaggio alla loro portata: l’importante è riuscire a far nascere nei piccoli alunni un sentimento di grande rispetto per la Terra.

Proprio per questo, tra le tante attività svolte riguardanti i temi ambientali e per dire addio definitamente agli oggetti di plastica a scuola le educatrici hanno raffigurato un grande bidone dell’immondizia in lacrime che per l’ultima volta ha “raccolto” gli oggetti di plastica dei piccoli alunni: da quel momento in poi l’asilo nido di Sant’Arsenio, infatti è diventato plastic free.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *