Randagismo, situazione critica in località Cappuccini a Sala Consilina. I cittadini esasperati

Randagismo, situazione critica in località Cappuccini a Sala Consilina. I cittadini esasperati

Randagismo, situazione critica in località Cappuccini a Sala Consilina. I cittadini esasperati

Pubblicato da Italia Due su Giovedì 17 gennaio 2019

“Qualcuno ci aiuti a liberare il quartiere. Non ne possiamo più”. E’ questa la richiesta di aiuto che arriva da parte di alcuni cittadini di Sala Consilina che abitano in località Cappuccini, nelle nuove villette a schiera costruite nella zona collinare. Molti abitanti del quartiere, infatti, lamentano la presenza di un numero intollerabile di cani randagi che circolano tra le villette liberamente a qualunque ora del giorno e della notte. Randagi che spaventano i cittadini i quali si vedono costretti spesso a rinunciare ad una passeggiata nelle poche ore di sole che l’inverno regala, o addirittura a dover controllare se la strada è “libera” prima di uscire per infilarsi rapidamente in auto. Da qualche giorno, inoltre, al gruppo di randagi che ha preso possesso del quartiere si è aggiunto un nuovo cane. Si tratta di un pitbull di colore nero munito di collare. “Il pitbull potrebbe essere stato smarrito e forse qualcuno lo sta cercando, – affermano gli abitanti di via Cappuccini. – In tal caso qualcuno dovrebbe intervenire per risalire al suo proprietario”.

L’arrivo del pitbull ha creato ulteriore sgomento tra gli abitanti del quartiere i quali, esausti, chiedono un intervento urgente da parte di chi ne ha facoltà affinchè si arrivi al più presto ad una soluzione che assicuri la tranquillità dei cittadini ma anche il bene degli animali stessi.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Anonimo ha detto:

    Purtroppo anche Sassano vive questa situazione e in particolar modo Via Lagno Secco, Via Mautoni, Silla, mia figlia e le sue amichette non posso uscire in bici e percorrere soprattutto Via Mautoni perché aggredite da questi cani che vagano indisturbati. A mio avviso, la cosa ancor più grave e che tra questi non ci sono solo randagi ma anche cani che hanno dei padroni che però li lasciano liberi di girare per le strade fregandosene di quello che potrebbe succedere agli altri e fregandosene se questi vanno a fare i bisogni davanti case altrui, in tutto questo il comune rimane indifferente, forse si aspetta prima che qualcuno viene aggredito. Come siamo oramai abituati, ci deve essere prima il dramma per prendere delle precauzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *