Sala Consilina, il convegno sul lascito di Giorgio Ambrosoli ha concluso la giornata dedicata alla Legalità

L’incontro dal titolo “La vicenda umana e professionale di Giorgio Ambrosoli: quale lascito?”, svoltosi venerdì pomeriggio presso il Teatro Comunale Mario Scarpetta di Sala Consilina, ha concluso la giornata dedicata al ricordo dell’avvocato assassinato 40 anni fa da un sicario americano ingaggiato dal banchiere siciliano Michele Sindona, su cui stava indagando.

Dopo l’incontro dedicato agli studenti svoltosi in mattinata anche l’evento pomeridiano, aperto a tutti ma rivolto in particolare agli avvocati, ha visto in scena l’artista Luca Macciacchini con lo spettacolo di teatro-canzone “Giorgio Ambrosoli”. Coordinato dai giornalisti Geppino D’Amico ed Erminio Cioffi, il convegno ha visto la presenza, tra gli altri, di Gianfranco Donadio, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro. Degna conclusione per una giornata emozionante, organizzata nell’ambito della Festa della Legalità 2019 dall’amministrazione comunale di Sala Consilina in collaborazione con la Banca Monte Pruno e con gli ordini degli Avvocati di Salerno e Lagonegro, ed ovviamente grazie al fondamentale contributo dell’Associazione “Giorgio Ambrosoli” di Salerno.

L’appuntamento pomeridiano ha visto i saluti di Nicola Colucci, Raffaele Battista e Pasquale D’Aiuto, rispettivamente Responsabile per il Vallo di Diano, Presidente e Segretario dell’Associazione “Giorgio Ambrosoli” di Salerno. A fare gli onori di casa l’Assessore alla Cultura Gelsomina Lombardi, mentre i Fori di Lagonegro e di Salerno sono stati rappresentati dal Presidente dei Consiglio dei rispettivi Ordini, Gherardo Cappelli e Americo Montera. Oltre alla riproposizione dello spettacolo di Luca Maciacchini, da segnalare gli interventi del vicedirettore della Banca Monte Pruno Antonio Pandolfo, dell’Avvocato Giovanni Capo, Docente di Diritto Commerciale all’UNISA, e di Gianfranco Donadio, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#