Un container di aiuti alimentari da Montesano alla Nigeria per suor Alessia e la sua comunità

Un container di aiuti è stato consegnato a suor Alessia e al suo gruppo di lavoro Pedcwi. Arriva, infatti, in Nigeria il container con beni alimentari e di sussistenza per la più grande bidonville dell’Africa. Ad organizzarlo l’intera comunità di Montesano sulla Marcellana e dopo le lungaggini burocratiche, finalmente tutta la merce spedita dal Vallo di Diano e dall’associazione “La Ferrovia” in particolare è stata portata nella residenza delle Suore Domenicane, di cui fa parte suor Alessia. In questi giorni il tutto sarà distribuito dalle stesse suore alla comunità.

“Occorre ringraziare – scrivono dall’associazione guidata da Pietro Pascale – gli studenti e gli insegnanti dell’Istituto Omnicomprensivo di Montesano, i ragazzi dell’Oratorio “Gym of a dreams”, il vescovo don Antonio De Luca, la Caritas Diocesana, Don Donato, Il sindaco di Montesano e l’amministrazione tutta, i Vigili Urbani, L’ASD Atletico Montesano, gli esercizi commerciali e quanti altri hanno dato vita alla raccolta”. Sono stati inviatidi 3200 kg di aiuti umanitari, di cui 600 chili di alimentari a lunga conservazione agli orfani di Suor Alessia a Lagos.

Ad impegnarsi per questa comunità di persone, dal numero imprecisato, Suor Alessia, ultraottantenne originaria di Montesano Sulla Marcellana che racconta all’associazione La Ferrovia, la difficoltà di vita quotidiana di chi vive in un posto senza strade, rete fognaria, elettricità e acqua potabile. Da qui la raccolta di beni “Una mano per Makoko”, partita a gennaio 2019, da parte di tutta la comunità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#