Le“caciare”e l’aglio orsino di Sant’Arsenio, nel progetto “Nuove scoperte di luoghi e di sapori”

L’aglio orsino e le “caciare” i luoghi in cui i pastori trovavano ristoro in montagna e conservavano il cacio sono state protagoniste della conferenza stampa di presentazione dell’ampio progetto “Nuove Scoperte di luoghi e sapori” presentato presso l’aula consiliare di Sant’Arsenio e promosso dalla Pro Loco di Sant’Arsenio.

Un progetto che mira alla valorizzazione dei prodotti e dei luoghi di Sant’Arsenio e dei territori limitrofi. Presenti questa mattina anche i rappresentanti di diversi comuni del Vallo di Diano e degli Alburni: Polla, San Pietro al Tanagro, San Rufo, Corleto Monforte. Accanto al Presidente della Pro loco, Mario Marmo, il sindaco di Sant’Arsenio, Donato Pica, quello di Polla, Rocco Giuliano, il botanico, Riccardo Di Novella che ha illustrato le proprietà e la storia dell’aglio orsino, l’ingegnere Giuseppe Greco, appassionato di montagna che ha scoperto queste uniche strutture sulle montagne di Sant’Arsenio,da lui denominate “caciare” e che rappresentano un unicum per il nostro territorio. Presente anche il Presidente di Alfis, Nicola De Canio e la dirigente scolastica dell’istituto “Sacco” di Sant’Arsenio, Maria Rosario Murano oltre ai componenti della Pro Loco e dell’amministrazione comunale.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#