Sapri: valdianese perde tutto alle slot machine, poi rapina il gestore per recuperare i soldi

Un uomo originario di Padula perde tutto alle slot machine e poi rapina il gestore per recuperare i soldi. E’ accaduto a cavallo tra domenica di pasqua e lunedì dell’Angelo, durante i festeggiamenti svoltisi nella città di Sapri. L’uomo di Padula, in vacanza a Sapri con la famiglia e ospite da alcuni parenti della zona, a tarda notte si trovava ancora nel punto Snai di Corso Garibaldi a Sapri. Il giovane aveva passato la serata a giocare alle slot machine e, arrivato l’orario di chiusura, ha realizzato di aver perso tutto. Quando il gestore della sala si è apprestato a raccogliere i soldi dalle macchinette e chiudere il locale, il ragazzo è rientrato dentro e improvvisamente si è avventato su di lui, aggredendolo e sbattendolo contro una slot. Nella colluttazione il giocatore è riescito a sottrarre gran parte del ricavato delle giocate in contanti, dandosi alla fuga e facendo perdere le proprie tracce. Immediato l’intervento dei Carabinieri, presenti a monitorare l’andamento delle serate sul lungomare di Sapri, che hanno sentito la vittima e i testimoni. A partire dalle riprese a circuito chiuso si è cercato di identificare il rapinatore, che aveva agito d’impulso a volto scoperto. Dopo una notte di indagini serrate, i Carabinieri della Stazione di Sapri sono risaliti all’identità del colpevole, e al luogo dove era ospitato. Nelle prime ore di luce di lunedì è poi scattato il blitz a casa dell’uomo, che è stato trovato ancora a letto. Un accurata perquisizione ha permesso di rinvenire tutta la refurtiva, che era stata nascosta nella cantina di pertinenza. La refurtiva ammonta a 1625 euro in contanti e in 10 ticket riscuotibili per un totale di 280 euro circa. L’uomo, un 30enne già noto alle Forze dell’Ordine per reati analoghi, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto e trattenuto la notte presso le camere di sicurezza della Compagnia di Sapri a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Lagonegro. Oggi l’udienza di convalida del fermo. La refurtiva recuperata è stata riconsegnata al proprietario. La conoscenza del territorio e la risposta immediata dei Carabinieri hanno così permesso di assicurare il reo alla giustizia in tempi molto brevi, dimostrando l’elevato livello di sicurezza della città di Sapri.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#