Bandiere blu 2019. Riconoscimenti per le spiagge cilentane e del Golfo di Policastro

Salgono a 183 i Comuni premiati con la Bandiera bluotto in più rispetto allo scorso anno.

Con il ritorno della bella stagione, si riaccende l’assegnazione del riconoscimento della Fee (Foundation for Environmental Education) alle località costiere che soddisfano criteri di qualità relativi ad acque di balneazione e al servizio offerto, tenendo in considerazione, ad esempio, la pulizia delle spiagge e gli approdi turistici, come stabilito dai risultati delle analisi condotte da Arpa (le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente) nell’ambito del programma nazionale di monitoraggio, condotto dal ministero della Salute in collaborazione con il ministero dell’Ambiente.

Le bandiere blu 2019 riguardano complessivamente 385 spiaggie – erano 368 lo scorso anno – e 72 approdi turistici (due in più del 2018). Dodici le ‘new entry’ che potranno fregiarsi del titolo quest’anno, mentre quattro località sono uscite dalla gara.

Aumentano, inoltre, le bandiere attribute ai laghi nostrani, arrivate quest’anno a 17. Il Cilento si conferma ancora una volta una delle aree d’Italia con la maggiore concentrazione di Bandiere Blu. 13 quelle attribuite dalla Fee al litorale compreso tra Capaccio Paestum e Sapri. Sono Capaccio Paestum, Agropoli, Castellabate, Montecorice, San Mauro Cilento, Pollica, Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola, Ispani, Vibonati e Sapri.Oltre alle Bandiere Blu per le spiagge la Provincia di Salerno ottiene 5 Bandiere Blu per gli approdi. Riconoscimenti ad Agropoli, Pollica, Casal Velino, Camerota e Palinuro oltre che a Marina d’Arechia a Salerno.

Le ‘new entry’ del 2019 tra le spiagge: Villalago (Abruzzo, L’Aquila, lago di Scanno); Pisticci (Basilicata, Matera); San Nicola Arcella (Calabria, Cosenza); Villapiana (Calabria, Cosenza); Anzio (Lazio, Roma); Imperia (Liguria, Imperia); Riva Ligure (Liguria, Imperia); Sanremo (Liguria, Imperia); Gabicce (Marche, Pesaro Urbino); Maruggio (Puglia, Taranto); Sant’Antioco (Sardegna, Carbonia-Iglesias); Pozzallo (Sicilia, Ragusa).

I quattro Comuni che non hanno riconfermato la Bandiera blu 2018 sono invece Porto San Giorgio (Marche, Fermo); Porto Sant’Elpidio (Marche, Fermo); Rodi Garganico (Puglia, Foggia) e Melendugno (Puglia, Lecce).

Le novità tra gli approdi riguardano invece Goimperia (Liguria, Imperia); Marina di Loano (Liguria, Savona); Porto Turistico Rodi Garganico (Puglia, Foggia); Yachting Santa Margherita Procida (Campania, Napoli); Marina del Nettuno (Sicilia, Messina) e Venezia Certosa Marina (Veneto, Venezia).

I quattro approdi 2018 che non hanno riconfermato la Bandiera Blu sono Porto Turistico Carlo Riva (Liguria, Imperia); Cala Cravieu (Liguria, Savona); Vecchia Darsena Savona (Liguria, Savona) e Cala Gavetta (Sardegna, Sassari).

L’elenco delle bandiere blu è stato presentato questa mattina, davanti alla presenza dei sindaci dei rispettivi Comuni, nel corso della 33esima cerimonia di premiazione a Roma, nella sede del Cnr.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#