Tirocini lavorativi in aziende agricole salernitane: il progetto che coinvolge anche i centri Sprar di Polla, Atena e Padula

L’inserimento lavorativo in agricoltura e nelle aziende zootecniche per i migranti. E’ il progetto presentato in Provincia di Salerno, ieri, ideato e implementato grazie alla collaborazione di Fondazione Avsi, Consorzio Farsi Prossimo, Coldiretti Campania e cooperativa sociale Tertium Millennium di Teggiano, e sostenuto finanziariamente dal Fondo Beneficenza Intesa,  che mira a favorire l’integrazione socio lavorativa di 15 persone migranti. Nei mesi scorsi sono stati scelti i beneficiari e le aziende agricole e zootecniche, sono stati avviati dei corsi di lingua italiana e la formazione tecnica in aula a cura della Coldiretti Campania.  Nel mese di giugno cominceranno i  tirocini presso 13 realtà produttive. Le persone selezionate provengono dal circuito di accoglienza Sprar di Padula, Polla, Roscigno, Bellosguardo, Roccadaspide, Santa Marina, Atena Lucana. Sono ragazzi originari soprattutto dall’Africa subsahariana titolari di protezione umanitaria, sussidiaria e internazionale.Presenti, tra gli altri, alla conferenza stampa Carmelo Stanziola, vicepresidente della Provincia di Salerno, don Vincenzo Federico, della cooperativa sociale Tertium Millennium e Salvatore Loffreda di Coldiretti Campania.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#