Cantano “Bella ciao” per manifestare contro il simbolo fascista affisso a Sala Consilina

Ha fatto scalpore l’affissione di un manifesto inneggiante al fascismo e al ritorno del Littorio in via Matteotti a Sala Consilina. Un manifesto anonimo affisso in un luogo simbolo per due motivi: il primo è il ricordo di Matteotti ucciso proprio dagli esponenti del fascismo, il secondo perché attaccato su una porta usata da un’associazione culturale (o meglio un’espressione concettuale) salese che è “Io posso”. Insomma un messaggio chiaro in un luogo chiave. Ma per “esorcizzare” quel manifesto e contro l’apologia di fascismo – che è un reato – alcuni giovani salesi ieri sera hanno intonato la canzone “Bella ciao” proprio nei pressi della porta usata per il manifesto. Un modo pacifico per dire di no a quel tipo di ideologia. Del manifesto comunque si stanno interessando anche le forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#