Processo Casalnuovo. Cunsolo assolto: le motivazioni della Corte di Appello

“La prova scientifica, fondata sulla micro traccia di vernice blu rinvenuta sotto la scarpa dell’imputata non è risultata in alcun modo risolutiva: l’accertamento chimico sulla corrispondenza tra la micro particella e la vernice della scossa del motorino si è conclusa in modo negativo”: è questo uno dei passaggi delle motivazioni con le quali la Corte di Appello di Salerno ha motivato l’assoluzione del maresciallo Giovanni Cunsolo. Si tratta del processo a carico del sottoufficiale dell’Arma accusato dell’omicidio preterintezionale di Massimo Casalnuovo, un giovane meccanico di Buonabitacolo morto nei pressi di un posto di blocco dei carabinieri. La Cassazione pochi mesi fa aveva rimandato all Corte di Appello di Salerno il processo a carico di Cunsolo accusato di aver dato un calcio allo scooter sul quale viaggiava il 23enne di Buonabitacolo che stava cercando di fuggire a un posto di controllo tra le vie di Buonabitacolo. Alla fine la Corte di Appello di Salerno ha respinto le accuse e confermato la sentenza di appello bis che ha assolto il carabiniere con la formula del “fatto non sussiste”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#