Commozione ed emozioni al Premio Pino Paladino assegnato all’avvocato Olga Aldinio

Tornano le emozioni legate al Premio Pino Paladino, voluto dall’Ordine degli Avvocati di Lagonegro in ricordo dell’eroico avvocato di Sala Consilina che perse la vita, a soli 45 anni, l’11 agosto del 2013 nelle acque di Palinuro, tuffandosi per salvare la vita di alcuni ragazzi che stavano rischiando di annegare.

Si è svolto nel pomeriggio di ieri, infatti, all’interno della Sala Sanseverino della Certosa di San Lorenzo a Padula, un incontro di studio organizzato dall’Ordine degli Avvocati di Lagonegro dal titolo “Solidarietà e diritti: l’avvocatura in difesa degli ultimi“.

All’incontro erano presenti l’avvocato Gherardo Cappelli, presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lagonegro, il Presidente del Tribunale di Lagonegro Luigi Pentangelo, l’avvocato Katia Di Palma, delegato della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense, l’avvocato Giampaolo Brienza del Consiglio Nazionale Forense, i sindaci di Padula e di Sala Consilina, Paolo Imparato e Francesco Cavallone, il presidente della BCC Buonabitacolo Pasquale Gentile, il Capitano della Compagnia Carabinieri di Sala Consilina Davide Acquaviva.

Dopo il convegno, commovente l’assegnazione da parte di Monica moglie del 45enne avvocato, del “Premio Avvocato Pino Paladino” alla giovane avvocata Olga Aldinio per aver riportato il voto più alto all’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense nella sessione 2017/2018.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#