Aulettese morto in ospedale a Polla: tre medici indagati

Due medici e un radiologo in servizio all’ospedale “Luigi Curto” iscritti nel registro degli indagati per la morte di Giuseppe Rotunno, un uomo di 61 anni, residente nel comune di Auletta, deceduto nel nosocomio valdianese a distanza di alcune ore dal ricovero. L’ipotesi di reato è quella di omicidio colposo in concorso, i due medici indagati sono in servizio rispettivamente nel reparto di chirurgia e nel pronto soccorso. L’iscrizione nel registro degli indagati è stato anche un atto dovuto così che i tre medici hanno potuto nominare i propri avvocati e periti per l’autopsia che disposta dalla Procura di Lagonegro. Secondo quanto emerso il 61enne nei mesi scorsi ha subito un primo intervento in un ospedale di Napoli per un tumore. Poi è stato dimesso. Lo scorso 19 giugno ha accusato un dolore allo stomaco e dopo un controllo al Pronto soccorso è tornato a casa. La sera coi dolori che continuavano è tornato all’ospedale dove è stato ricoverato. È morto dopo il ricovero. I parenti dell’uomo, tutelati dall’avvocato Claudio Parisi, hanno presentato denuncia ai carabinieri della compagnia di Sala Consilina. Gli uomini guidati dal capitano Davide Acquaviva hanno sequestrato le cartelle cliniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#