Ecoballe di Acerra verso Polla. L’ex sito dell’Ergon resta in pole position “in caso di necessità”

Le ecoballe nel Vallo di Diano potrebbero concretizzarsi tra settembre e ottobre. La notizia diventa sempre più concreta e una inchiesta de “Il Mattino” in un articolo a firma di Ivana Infantino. De Luca, il governatore della regione Campania, nei giorni scorsi ha già chiamato in causa i sindaci del salernitano per la chiusura del termovalorizzatore di Acerra. Come è la situazione ora?

Al momento la Provincia ha individuato due aree di stoccaggio temporaneo, dove depositare la parte residua dei rifiuti indifferenziati durante i 40 giorni di fermo dell’inceneritore, qualora le due gare bandite da Ecoambiente dovessero andare deserte. Quindi come riporta il noto quotidiano in pole rimane l’impianto di Polla, mentre sul secondo sito vige il massimo riserbo.
Il sito di Polla dove stando alle attuali previsioni dovrebbero essere stoccate “al massimo 1000 tonnellate di Futa”, rassicurano dalla Provincia, con il presidente Michele Strianese che, dopo una serie di interlocuzioni con il sindaco Rocco Giuliano, si dice pronto a firmare l’ordinanza, “se necessario”, in considerazione del quantitativo stimato e della temporaneità dello stoccaggio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#