Rifiuti: Nascita del Sub ambito “Eco-Diano”. Oggi l’incontro tra sindaci del Vallo ed Ente d’Ambito

Si è tenuta questa mattina a Palazzo Sant’Agostino, sede della Provincia di Salerno, la riunione tra il Presidente dell’Ente d’Ambito, Giovanni Coscia ed i sindaci del Vallo di Diano che nell’ambito della Conferenza dei Sindaci del territorio avevano deliberato di voler aderire al costituendo Sub Ambito Distrettuale provvisoriamente denominato “Eco-Diano”. Un incontro promosso dal Consigliere Provinciale Giovanni Guzzo. Il Sub Ambito Distrettuale permetterebbe al territorio di “gestire in modo integrato i rifiuti urbani secondo i principi di efficienza, efficacia, economicità, trasparenza e sostenibilità ambientale” con a capo della gestione il territorio stesso del Vallo di Diano. Per perfezionare l’iter amministrativo  “propedeutico alla costituzione” del Sub Ambito Distrettuale “Eco – Diano” il presidente Coscia ha convocato i primi cittadini del territorio a Palazzo Sant’Agostino. “L’incontro è stato molto positivo, ha sottolineato il presidente Coscia, raggiunto dalla nostra emittente telefonicamente. Spetterà ora ai singoli consigli comunali presentare una sorta di piano industriale per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti che dovrà essere poi presentato all’Ente d’Ambito. Il sub ambito, termina Coscia, permetterebbe un risparmio pari quasi al 50%”. Questa mattina in Provincia erano presenti numerosi amministratori del Vallo di Diano ed anche il Consigliere Giovanni Guzzo che ha da subito appoggiato la deliberazione della Conferenza dei Sindaci del Vallo di Diano.

All’incontro di oggi, non si è parlato del possibile trasferimento di circa una tonnellata di rifiuti indifferenziati dall’impianto di Acerra a quello della zona industriale di Polla. Una possibilità, presa in ultima analisi dalla Provincia di Salerno, che sta preoccupando però molto i cittadini . In molti, seguendo quanto già affermato dal sindaco di Polla, Rocco Giuliano, sottolineano che “Polla ed il Vallo di Diano hanno già dato!”

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#