Rotary Club, l’evento su Carlo Pisacane a Padula ha concluso l’anno sociale del Presidente Antonello Rivellese

La manifestazione svoltasi a Padula in ricordo di Carlo Pisacane ha concluso nel migliore dei modi l’anno sociale del Rotary Club Sala Consilina-Vallo di Diano che ha visto alla presidenza Antonello Rivellese. Una delle caratteristiche del Rotary, infatti, è il cambio della guardia alla guida dei vari Club, che si ripete ogni anno: e dal 1° luglio il Rotary Valdianese ha visto Mimmo Paladino assumere il prestigioso ruolo. Motivo in più per ascoltare dal past President Antonello Rivellese ai nostri microfoni un bilancio conclusivo.

La partecipata giornata dedicata a Carlo Pisacane ha visto tra le altre la presenza del pronipote di Pisacane, ed è stata coordinata dal Giornalista Geppino D’Amico, che ne ha riassunto significati e contenuti in un post sulla sua pagina Facebook:

“Un convegno ed un busto per ricordare a Padula (SA) Carlo Pisacane”

Nel 162° anniversario della “Spedizione dei Trecento”, per ricordare lo storico avvenimento e quanti diedero la vita per costruire un’Italia Unita, il Rotary Club Sala Consilina-Vallo di Diano ed il Comune di Padula, in collaborazione con Enti e Associazioni del Vallo di Diano, hanno organizzato un convegno al termine del quale è stato scoperto un busto di Carlo Pisacane offerto dal Rotary Club Sala Consilina-Vallo di Diano e realizzato dagli alunni del Liceo Artistico “Pomponio Leto” di Teggiano sotto la guida del prof. Germano Torresi e dell’Assistente tecnico Oriana Vertucci. È stato collocato proprio in Piazza I luglio (nello spazio antistante Palazzo Romano, dove Pisacane fu ospitato) che quasi certamente, ultimato l’iter burocratico, si chiamerà “Piazza Carlo Pisacane – già Piazza 1° luglio”. Particolarmente nutrito il programma del convegno: dopo il saluto del sindaco Paolo Imparato e del presidente del Club Rotary, Antonello Rivellese, importanti testimonianze sono state portate da alcuni discendenti di protagonisti del Risorgimento del Vallo di Diano: Enrico Padula (pronipote di Vincenzo Padula,(il sacerdote che fece parte dei Mille, morto in Sicilia durante la battaglia di Milazzo), Federico Romano (pronipote di Federico Romano, il liberale padulese che ospitò nel proprio palazzo Carlo Pisacane), Ernesto Pisacane, pronipote di Carlo Pisacane, ed Enzo Mattina (pronipote di Giovanni Matina, Prodittatore di Garibaldi per la Provincia di Salerno), il quale ha fatto pervenire un messaggio scritto essendo impossibilitato ad intervenire personalmente. La relazione ufficiale è stata affidata al prof. Carmine Pinto (Ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università di Salerno). Importante il contributo offerto dal Magistrato Emerito, Rocco Colicchio, dal ricercatore Miguel Sormani e da Enrico Castillejo che hanno esposto documenti e foto storiche. Due alunne del Liceo Scientifico “Carlo Pisacane” di Padula hanno letto la poesia del Mercantini “La Spigolatrice di Sapri”. L’Assessore alla Cultura, Filomena Chiappardo ha ringraziato i presenti danno appuntamento al prossimo anno. Di rilievo la presenza del Picchetto d’Onore del 19° Reggimento Cavalleggeri Guide di Salerno al comando del Sergente Maggiore Giuseppe Morici con il trombettiere dell’8° Reggimento Bersaglieri, Alfonso Cardaropoli che hanno reso gli onori militari a Carlo Pisacane. Il Coro Polifonico Polimnia, diretto dal M° Annamaria Torresi, ha eseguito l’Inno di Mameli e proposto in anteprima assoluta il brano “Coro dei Trecento, scritto nel 1960 da Raffaele Romano (nipote di Federico) e musicato dalla consorte Margherita Moscarelli. Al termine buffet di prodotti tipici

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#