Consigli per la gestione di un’associazione no profit

Consigli per la gestione di un’associazione no profit

Quando si parla di organizzazioni no profit si crede erroneamente che la gestione non sia così complicata. Nulla di più falso! In realtà, anche le associazioni di questo tipo hanno bisogno di una gestione seria ed efficace. In questo articolo andremo a vedere come funziona la gestione di un’organizzazione non a scopo di lucro.

Cos’è un’organizzazione no profit

Un’organizzazione no profit è tale quando non è destinata alla realizzazione di profitti ma reinveste gli utili per gli scopi organizzativi. L’utile conseguito dall’associazione non è distribuito fra i soci ma utilizzato unicamente per organizzare attività, iniziative o eventi e per raggiungere gli scopi prefissati. Le finalità di un’organizzazione no profit sono, dunque, sempre extra-economiche. In caso di eventuale scioglimento dell’ente, il capitale non può essere distribuito fra i soci, ma può essere unicamente devoluto a un’altra associazione no profit.

Tipologie

Esistono diverse tipologie di organizzazioni no profit, per esempio le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, le ONLUS, le cooperative sociali, le ONG (Organizzazioni Non Governative), le fondazioni di diritto civile e di origine bancaria, le imprese sociali e così via. Possono operare in diverse aree, per esempio in ambito culturale, ambientale (ne è un esempio il WWF o Legambiente), economico, sanitario e di ricerca (come Telethon) e sociale. È importante fare poi una distinzione fra le associazioni senza scopo di lucro, rivolte ad una particolare categoria, come ad esempio verso i propri soci; le fondazioni, dotate di personalità giuridica e che gestiscono un patrimonio da destinare a pubblica utilità e i comitati che si differenziano dalle fondazioni perché il patrimonio viene raccolto attraverso una campagna di sottoscrizione pubblica.

Struttura di un’organizzazione no profit

Fanno parte dell’Associazione:

– l’Assemblea dei soci (gli iscritti in regola con il versamento della quota sociale e dei contributi annuali);

– il Presidente;

– il Consiglio direttivo, formato da persone scelte fra i soci.

Come gestire un’organizzazione no profit

Creare un’associazione senza scopi di lucro può sembrare facile, ma in realtà è fondamentale metterci impegno, costanza e passione. Soprattutto a livello contabile emergono le maggiori insidie. Proprio come con qualsiasi altra organizzazione, anche in una no profit ci sono entrate e uscite. Per questo motivo, bisogna avere un registro inventario dove elencare i beni dell’associazione e tenere dei fogli di cassa periodici a cadenza giornaliera, settimanale o mensile.  Nei fogli di cassa si registrano le entrate e le uscite in un dato periodo di tempo. Questi documenti preliminari servono poi per la stesura del bilancio annuale, detto anche rendiconto contabile. Ogni anno è obbligatorio predisporre il rendiconto contabile economico-finanziario che ha lo scopo di evidenziare le entrate e suddividerle per voci. A ciò si aggiunge la stesura di una relazione di carattere illustrativo che riassuma l’attività dell’associazione, gli eventi e iniziative organizzate. Tutti i documenti devono poi essere depositati presso la sede dell’associazione quindici giorni prima della data di consegna fissata. Infine, è necessaria un’approvazione da parte dall’Assemblea dei soci entro quattro mesi.

La redazione del bilancio economico e di missione è un momento molto delicato ed è proprio in questa fase che si rischiano errori ed irregolarità. Per ovviare a questa grande difficoltà relativa alla gestione delle spese, uno strumento senza alcun dubbio innovativo è quello offerto dalla piattaforma Soldo, che permette di controllare i movimenti effettuati dalle diverse carte appartenenti ai membri dell’associazione e ai volontari. Ad esempio, si può fissare un limite relativo alla spesa e monitorare tutti i movimenti. Infine, si possono anche esportare i dati relativi ai vari movimenti nei formati più utilizzati. In questo modo si può tenere sempre sotto controllo il budget e dedicarsi pienamente alla propria missione, assicurando produttività ed efficienza!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#