I dubbi sulla morte di Simon Gautier. La Procura apre un’inchiesta

Ogni dubbio sulla morte di Simon Gautier potrà essere sciolto solo dopo l’autopsia in programma domani. Sulla morte del giovane la Procura della Repubblica di Vallo della Lucania ha aperto un’inchiesta. Per recuperare il corpo del 27enne gli uomini del Soccorso Alpino hanno lavorato circa 7 ore: dopo aver raggiunto il cadavere verso sera non hanno lasciato solo il corpo di Simon nella notte. Hanno ripreso le operazioni di recupero con il sorgere del sole. Operazioni difficili, perchè il corpo si trovava in un dirupo profondo circa 200 metri. Gli uomini del Soccorso Alpino dopo essersi legati con delle funi si sono avvicinati al cadavere, l’hanno imbracato e trasportato via terra lungo il burrone fino alla spiaggia sottostante. Ad attenderli c’erano gli uomini della Guardia Costiera di Palinuro agli ordini del Tenente di Vascello Francesca Federica Del Re che hanno trasportato il corpo nel porto di Policastro, per poi trasferirlo al vicino ospedale di Sapri. Qui accanto a familiari ed amici anche il anche il colonnello provinciale dei Carabinieri Antonino Neosi, il capitano dei carabinieri di Sapri Matteo Calcagnile e il tenente della Finanza Luigi Nigro. La procura vuole fare “chiarezza e approfondire alcuni aspetti che riguardano le operazioni di soccorso”,  ha spiegato il procuratore capo Antonio Ricci.

foto: il Mattino

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#