Oltre 230mila telespettatori su Rai Tre per il film sulla tragedia di Montesano. Successo per “Due euro l’ora”

Oltre 230mila spettatori hanno assistito – secondo i dati Auditel – su Rai Tre a “Due euro l’ora”. La pellicola, per la regia di Andrea d’Ambrosio, che racconta il rogo del materassificio Bimaltex di Montesano sulla Marcellana. Il film con Peppe Servillo, Chiara Baffi, Paolo Gasparini, Alessandra Mascarucci, Alyona Osmanova, è andata in ieri sera, alle 23.40, su Rai tre.

Il lungometraggio diretto dal regista pontecagnanese è ispirato alla tragedia del lavoro nero consumatasi nel Vallo di Diano ormai più di 10 anni fa quando, a causa di un incendio, persero la vita due operaie, la giovanissima Giovanna Curcio di Casalbuono, e Annamaria Mercadante di Padula. Ambientato in un piccolo paese nella provincia del Sud Italia – il regista sposta la vicenda nel vicino comune di Montemarano, specchio anonimo di un meridione povero, dello sfruttamento operaio, della discriminazione femminile sul posto di lavoro – racconta la storia di Rosa, ben interpretata dall’esordiente Alessandra Mascarucci, diciassettenne abbandonata dalla madre e in conflitto col padre, e Gladys, emigrata di ritorno, nubile, impiegata in nero in una sartoria abusiva. Tra le due donne si instaurerà presto una relazione fatta di fiducia e compensazione che le vedrà lottare fianco a fianco per affermare i propri diritti nei confronti dell’arcigno e spietato padrone, interpretato con ironia sottile da Peppe Servillo.

Nella vita reale, ricordiamo che Maceri, il proprietario del materassificio è stato condannato ed è in carcere dopo mesi di latitanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#