Presenza di cinghiali e pericolo di esondazione: il Comune di Polla ordina la pulizia delle sponde del Tanagro. Ma gli “isolotti” rimarranno

Gli isolotti nel fiume Tanagro a Polla – vicino al ponte Romano – rimarrano per ora. Per questione di competenze con i vari organi in campo che non rispondono (è compito della Regione e non del Comune), e il pericolo che resta incombente sulla cittadinanza. Al di là del fatto che siano davvero brutti da vedere. Ma il Comune guidato dal sindaco Rocco Giuliano è intervenuto per un altro problema del fiume. Quello della boscaglia presente sulla sponda dopo il parco Iqbal e lungo la Sicignano-Lagonegro per la quale il Comune di ordinato la pulizia. “Diversi cittadini hanno segnalato – si legge in una ordinanza – dei branchi di cinghiali in pieno centro abitato, rilevati con particolare frequenza nei pressi del fiume Tanagro, lungo i tratti ricoperti da erba alta e da vegetazione infestante”. Per questo motivo, al fine di scoraggiare l’avvicinarsi degli ungulati, il Comune ha constatato “che, lungo gli argini del fiume e nell’alveo dello stesso, si rileva la presenza ingombrante di vegetazione, con diversi elementi alberati in fase di decadenza con i rispettivi tronchi propendenti verso l’alveo del fiume, il tutto costituisce potenziale causa di esondazione per ostruzione della piena fluviale, con conseguente pericolo per la pubblica incolumità”. Quindi l’ordinanza. “Per motivi igienico-sanitari e di sicurezza a tutela della pubblica incolumità, si ordina a una ditta di provvedere con urgenza all’eliminazione delle problematiche ambientali sopra rilevate”.  E in questi giorni si avvieranno la pulizia di erbe e vegetazione infestante, oltre ai tronchi vegetazionali, nei pressi del fiume Tanagro ed in prossimità della tratta ferroviaria Sicignano-Lagonegro, nei tratti interni al centro abitato di Polla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *