Tutto pronto per il “bomba day” a Battipaglia: ecco i numeri e i “divieti”. Anche personale del Vallo di Diano coinvolto nelle operazioni

Domenica 8 settembre si svolgeranno le operazioni di bonifica di una “bomba d’aereo” risalente alla seconda guerra mondiale rinvenuta nel comune di Battipaglia, in un terreno agricolo. Le operazioni saranno condotte dagli Artificieri dell’Esercito Italiano-21°.

Avranno inizio quando sarà completata l’evacuazione della popolazione e si protrarranno per un arco temporale tra le 8 e le 12 ore. L’evacuazione riguarderà 36.000 cittadini, residenti nel raggio di 1,600 metri  dal  punto  di  rinvenimento  –  raggio  di  sgombero  previsto  dalla normativa Nato in base alla tipologia e alle caratteristiche dell’ordigno – e inizierà alle 5 del mattino per agevolare le operazioni dei militari e fare in  modo  che  i  cittadini  possano  rientrare  il  prima  possibile  nelle  loro abitazioni. Oltre alla popolazione saranno evacuati l’Ospedale “Santa Maria della Speranza”, Municipio e Comando Polizia Locale. Inoltre saranno interrotte la circolazione veicolare sull’A2 Autostrada del Mediterraneo e sulla SS18 “Tirrena Inferiore” e la circolazione ferroviaria (linea Salerno-Reggio Calabria e linea Battipaglia-Potenza-Metaponto). Anche l’erogazione dei servizi essenziali, in particolare energia elettrica, gas, linee telefoniche fisse e mobili, verrà sospesa. La  Prefettura  di  Salerno, d’intesa con il Genio  Militare, coordinerà  la gestione dell’evento attraverso il “Centro di Coordinamento Soccorsi” che sarà istituito nell’occasione. Il dispositivo di protezione civile ha richiesto in questi mesi una complessa attività di pianificazione per i diversi profili (evacuazione e assistenza alla popolazione, aspetti sanitario, viabilità stradale e ferroviaria, servizi essenziali).

Alle operazioni di disinnesco della bomba parteciperanno 20 volontario del Coordinamento Salerno Sud- protezione civile di Caggiano, Polla, Teggiano, Pertosa e Palomonte, oltre che forze dell’ordine del territorio valdianese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#