Sant’Arsenio, da una settimana è sospesa la raccolta rifiuti: il comitato “No Biometano” chiede spiegazioni al Comune

Dallo scorso 3 settembre i cittadini di Sant’Arsenio, con un avviso a firma del sindaco, Donato Pica sono stati invitati a non conferire le frazioni di indifferenziato, plastica, carta e vetro ad eccezione della frazione umida. Nell’avviso il primo cittadino spiegava che questa decisione, era stata adottata poichè “la ditta affidataria del servizio di trasporto dei rifiuti solidi urbani  aveva comunicato che dal 30 agosto 2019 non avrebbe più potuto garantire il conferimento dei rifiuti presso le strutture Ges.Co ed Ecoambiente Salerno”. Inoltre, l’avviso terminava con le rassicurazioni  relative ad una risoluzione repentina del disagio. Da circa una settimana, quindi, nel piccolo centro non vengono ritirati i rifiuti secondo il calendario della raccolta differenziata, ad eccezione della frazione organica. Sui social, soprattutto, i cittadini hanno cominciato ad alzare la voce accusando l’amministrazione “di protrarre una situazione che sta diventando insostenibile”. Nella giornata di oggi, con un documento,  è intervenuto il Comitato “No Biometano” di Sant’Arsenio che chiede al sindaco e all’assessore all’ambiente delucidazioni in merito a questo disagio e sopratutto che tempi si prospettano.

Di seguito la nota del Comitato “No Biometano” di Sant’Arsenio:

“Nel riconoscere l’impegno dell’Amministrazione Comunale nel  continuare la raccolta della frazione umida dei rifiuti nonostante la chiusura della Ges.Co,  non  possiamo non considerare come   mai non sono state adottate  misure idonee per continuare la raccolta dell’indifferenziato, del   multimateriale   e della carta, cosi  come  attuato da altri Comuni (vedi il Comune di Atena Lucana con Ordinanza Sindacale prot. 5306 del 08.08.2019).

Al laconico comunicato della ditta General Enterprise s.r.l. del 28.08.2019, l’Amministrazione Comunale   ha sospeso il servizio di raccolta dei rifiuti “SCARICANDO”  il problema sui cittadini con le relative difficoltà di accumulare rifiuti nelle abitazioni e con il rischio concreto di abbandono degli stessi nelle campagne limitrofe al centro abitato .

Allora ci chiediamo:

La sospensione del servizio è conseguente a situazioni  programmate?

Perchè la ditta affidataria del servizio non ha pianificato azioni per supplire alla chiusura degli impianti di trasferimento dei rifiuti? Perché non sono stati individuati altri siti di conferimento?

Poiché la mancata raccolta dei rifiuti,  perpetrata per giorni e giorni, potrebbe configurare il reato di interruzione di pubblico servizio (art. 340 codice penale) e anche di violenza privata (art. 610 codice penale), essendo il sindaco e l’amministrazione comunale (assessore competente, dirigente responsabile del servizio)  responsabili del controllo sulla gestione del servizio esternalizzato alla società appaltatrice, quali misure di verifica sono state  adottate?

Che cosa prevede il contratto di appalto del servizio in questi casi? La revoca dell’appalto? Una penale per la ditta?

Non avendo provveduto la ditta, perché non è stata l’Amministrazione Comunale ad intraprendere azioni per gestire  le difficoltà oltre  a chiedere  la collaborazione dei cittadini?

Cittadini che meritano di sapere

QUANDO TERMINERÀ LA SOSPENSIONE DEL SERVIZIO 

e di AVERE DELLE RISPOSTE  alle domande poste.

Si coglie  l’occasione per ricordare che  si è ancora in attesa di avere risposta alla nota inviata tramite pec il 29.08.19 e relativa a “Situazione Ergon di Polla . Richiesta adozioni provvedimenti”.

                                                                                         Il Presidente del Comitato

Dott. Anna Maria Rizzo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *