Cova di Viaggiano. L’assessore regionale all’ambiente: “Con l’Eni siamo stati chiari, basta fiammate”

Due “fiammate” al Centro Olii di Viggiano hanno messo in allerta cittadini ed associazioni ambientaliste della Val d’Agri. Le denunce nei giorni scorsi, con tanto di foto, sono tantissime. Tra queste quelle dalla pagina facebook “Osservatorio Popolare per la Val d’Agri” che ha denunciato sul web sia il verificarsi della prima che della seconda fiammata al Centro Olio nell’area industriale di Grumento Nova e Viggiano. I cittadini  che abitano nelle vicinanze impauriti hanno chiesto di avere notizie. L’evento verificatosi il 12 settembre era il secondo in pochi giorni, un altro era stato registrato il 9 settembre. Ebbene, oggi, su quanto accaduto è intervenuto l’assessore regionale all’ambiente Gianni Rosa, più volte sollecitato da cittadini ed associazioni a chiedere spiegazioni all’Eni. “È importante capire cosa succede nel Cova, per poter rassicurare i cittadini e per impedire che il fenomeno delle fiammate si ripeta nuovamente: l’impianto, come tutte le infrastrutture produttive, può avere problemi temporanei, ma non possiamo permettere che avvengano con questa frequenza. Con l’Eni siamo stati chiari: non tollereremo il costante ripetersi delle fiammate, e sono lieto che anche l’azienda lo abbia riconosciuto”. Queste le dichiarazioni dell’assessore, riportate dall’Ansa Basilicata, al termine dell’incontro che si è svolto oggi, a Potenza, con i rappresentanti del Dipartimento, dell’Arpab, dell’Eni e dei sindaci di Viggiano e di Grumento Nova .

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *