Parte la rete Stroke in Campania, ma non al “Curto” di Polla: in Neurologia dal 1° ottobre solo due medici

Con Decreto del Commissario ad Acta, Vincenzo De Luca, pubblicato sul Burc del 16 settembre scorso è partita in Regione Campania, ufficialmente, la “Rete regionale emergenza stroke”, ossia quella rete che individua le strutture specificamente dedicate al trattamento dei pazienti colpiti da ictus. Il decreto, come anticipato, già lo scorso luglio individua l’ospedale di Polla, precisamente il reparto di Neurologia, come “Stroke Unit di primo livello” . “Gli ospedali dotati di Stroke Unit,  spiegava la nota stampa della Regione Campania dello scorso luglio, sono funzionalmente collegati altri Ospedali con posti di degenza neurologici strutturati, definiti Spoke, destinati a decongestionare le Stroke Unit, quando necessario, e ad assicurare la continuità dell’assistenza anche nella fase successiva a quella acuta in unità operative dotate dei posti letto e delle competenze idonee per la prima fase di riabilitazione successiva all’evento acuto”. Purtroppo a Polla, vista la situazione di grande difficoltà che si vive nel reparto di Neurologia, questo tipo di progetto è destinato a rimanere sulla carta. Il reparto, infatti, vive da tempo un’atavica carenza di personale medico. E dal prossimo primo ottobre i medici che rimarranno in servizio in reparto saranno solo due. Da quanto si apprende, infatti,  dall’albo pretorio dell’Asl Salerno, dal prossimo mese,  cesserà il rapporto di lavoro di un terzo neurologo fin ora in servizio presso il reparto pollese guidato dal Dottore Pietro Greco. Quest’ultimo, come ben sappiamo, più volte ha lanciato accorati appelli affinchè si scongiurasse la chiusura del reparto di Neurologia in perenne emergenza per carenza di personale medico. Sia il dottore Greco, inoltre, che la dottoressa Forziati, validi sanitari, sono prossimi al pensionamento e più volte hanno richiesto nuovo personale medico. Una situazione davvero al limite del paradosso. Gli operatori sono allo strenuo delle forze, eppure l’ospedale di Polla, con reparti come quello di Neurologia, fortemente legato alla rete di emergenza- urgenza, ha dimostrato più volte, anche nei recenti mesi estivi, di essere una struttura ospedaliera dotata di personale altamente qualificato in grande di affrontare anche importanti emergenze.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#