Il “macabro” mistero del cagnolino trovato morto a Sala Consilina e del nastro legato alla zampa: ecco com’è andata

Questa volta fortunatamente la cattiveria dell’uomo non c’entra, ma c’entrano la natura e la legge del più forte: ad uccidere Lucky, il randagio rinvenuto senza vita in località Allegracore di Sala Consilina, sono stati quasi certamente i cinghiali.

Una notizia importante per rasserenare gli animi dei residenti del quartiere San Raffaele, da sempre divisi in due fazioni: chi aveva praticamente “adottato” Lucky, dandogli addirittura un nome e offrendogli anche una cuccia, e chi invece non lo vedeva di buon occhio ritenendolo pericoloso.  Per questo era sembrato davvero una macabra firma, attribuibile ad un possibile assassino, quel nastro rinvenuto legato ad una zampa del cagnolino senza vita. A chi lo aveva rinvenuto così nel tardo pomeriggio di giovedì, ai margini di una strada abbastanza isolata, Lucky era sembrata l’ennesima vittima della efferata violenza degli uomini nei confronti degli animali. Ma invece c’era una spiegazione: una precedente segnalazione, ore prima, aveva già condotto sul posto gli Agenti della Polizia Municipale di Sala Consilina, che avevano trovato il cagnolino senza vita al centro della strada. Lo avevano poi spostato, e il nastro era stato legato ad una zampa per segnalarlo a chi, secondo le normative vigenti, sarebbe stato poi incaricato della rimozione. Una spiegazione semplice, emersa nelle ultime ore, e ignorata da chi aveva poi effettuato il secondo rinvenimento, segnalando la notizia nel quartiere. A volte l’apparenza inganna, ed il nastro era sembrata una “firma” macabra per una feroce violenza. Nella serata di giovedì la carcassa del povero animale, per iniziativa dell’OIPA sezione di Sala Consilina, ed in particolare della vice delegata provinciale Enrica Ferricelli, è stata rimossa dalla veterinaria Doris Salluzzi, per consentire l’esame autoptico e stabilire con esattezza le cause della morte. Ma dal primo momento la veterinaria ha notato quelle profonde ferite, compatibili con un attacco da parte dei cinghiali. La notizia sicuramente riuscirà a rasserenare gli animi nel quartiere, alquanto esasperati di fronte alla possibilità dell’ennesimo caso di violenza a Sala Consilina. Certo, i residenti del quartiere di San Raffaele che erano affezionati a Lucky restano dispiaciuti, ed il problema dei cinghiali si conferma molto grave. Ma almeno si interrompe la “caccia” al colpevole che si era già scatenata, e gli animi si placano.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *