Coltivava marijuana sul balcone: per sfuggire alla Finanza si barrica in una stanza. In manette 30enne ad Eboli

Coltivava piante di marijuana sul balcone di casa. Un giovane di Eboli è finito così nei guai dopo essere stato scoperto dai militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno.  La Finanza ha sequestrato diciotto piante, piccole dosi di hashish e prodotti specifici per la coltivazione, tra cui flaconi di radicanti, fertilizzanti per lo sviluppo dell’infiorescenza ed una cesoia per la potatura. Il responsabile, con precedenti specifici, durante le operazioni ha anche cercato di sfuggire al controllo, chiudendosi in una stanza e nascondendosi dietro una poltrona. A nulla è valso il goffo tentativo. I Finanzieri, dopo averlo scoperto, sentito il magistrato di turno, lo hanno tratto in arresto. Denunciato a piede libero anche il padre, con il quale il trentenne condivideva l’abitazione, adibita a vera e propria piantagione. E’ di circa 15 giorni fa, inoltre, l’arresto di uno spacciatore sul lungomare, fermato con 35 grammi di hashish, già confezionato in dosi pronte per essere cedute. L’uomo, portato in caserma per la successiva perquisizione, aveva addosso ulteriori 16 grammi di marijuana, occultati all’interno degli slip, unitamente a 250 euro in contanti, il ricavato dell’attività di spaccio. Formalmente residente in un centro d’accoglienza di Eboli, già da diversi anni, era in possesso di un permesso di soggiorno scaduto, pertanto ritirato dai militari operanti. Su disposizione del G.I.P., è stato tradotto presso il carcere di Fuorni, dov’è tuttora detenuto. Dall’inizio dell’anno le Fiamme Gialle  hanno sequestrato oltre 39 kg di  sostanze stupefacenti, con la verbalizzazione di 217 soggetti, di cui 13 arrestati e 28 denunciati all’Autorità Giudiziaria. Per altri 176 è scattata invece la segnalazione alla Prefettura, in quanto la droga rinvenuta e sequestrata dai militari era detenuta per un uso personale.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *