Atletica: Acteon – Atena in corsa, capitolo ottavo. Esultano Gilio Iannone, Giorgia Parente e la Carmax-Camaldolese

Chi si ricorda di Atteone, lo sprovveduto cacciatore che, per un’occhiata di troppo alle grazie della divina Diana, fu trasformato in cervo e infine sbaranato dai suoi cani? Le sembianze dell’animale selvatico campeggiano sullo stemma araldico di Atena Lucana e, dal 2012, riecheggiano nel nome della gara podistica che chiude la stagione su strada nel Vallo di Diano. Acteon Atena in corsa, organizzata dalla locale Polisportiva con il contributo dell’amministrazione cittadina, non è solo l’entusiasmo di adulti e bambini che hanno scelto il centro atinate per una piacevole sgambata domenicale. La famiglia di Acteon, su iniziativa dell’associazione Le stanze di Igea, ha infatti voluto rinnovare l’impegno a fianco delle donne che hanno combattuto o combattono contro i tumori con la seconda Camminata in rosa, parallela all’evento di cartello. Naturalmente, anche l’agonismo vuole la sua parte: Acteon (8 chilometri su un circuito di media difficoltà da ripetere per cinque volte) è stato un affare interno all’attrezzatissima Carmax-Camaldolese, vincitrice per distacco anche della classifica per società. Quattro uomini in testa fin dal primo giro: Gilio Iannone, Carmine Santoriello – vincitore di questa corsa nel 2013 – Giovanni Vitolo e Marco Landi. A metà corsa, Iannone e Santoriello si lasciano alle spalle i compagni di squadra: procederanno appaiati fino a metà dell’ultima tornata, quando l’ex atleta del gruppo sportivo dell’Esercito distanzia l’amico e rivale di giornata. Finale in parata: Iannone precede di stretta misura Santoriello, conquistando il diciottesimo successo della stagione. Vitolo riconferma il terzo posto di un anno fa, mentre Landi deve difendersi fin sul traguardo dal ritorno del giovane Vito Paladino (Metalfer Podistica Brienza 2000). Nella prova femminile, Giorgia Parente (Podistica Pollese) si è lasciata alle spalle Carmen Trezza (Carmax) e Daniela Calicchio (Metalfer).

Testo di Carmine Marino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *