Cultura e sapori si uniscono all’Hotel Villa Cosilinum di Padula. Sgarbi, Placido e gli altri artisti a cena nel prestigioso ristorante

La Certosa di San Lorenzo a Padula è stata sede del “Festival dell’Essere”. La rassegna diretta da Vittorio Sgarbi, già definita come il “G7 del pensiero”, ha riunito nella cittadina padulese personalità provenienti da vari mondi e discipline, i quali sono stati chiamati nei luoghi della Magna Grecia per confrontarsi ed “elaborare pensieri”. In un luogo spirituale per eccellenza, la cittadella conventuale, sito Unesco (nonché il più vasto complesso monastico dell’Italia meridionale), Greta Mauro e Sgarbi hanno portato gli ospiti a confrontarsi sulla figura di Dio e il suo essere nelle vite di ognuno. Padula, quindi, durante l’evento ha ospitato importanti nomi del mondo dello spettacolo e della cultura come Michele Placido, Sergio Rubini, Violante Placido e Cosimo Damiano Damato, il giornalista e scrittore Marcello Veneziani, il filosofo Nuccio Ordine, la scrittrice Vera Slepoj, il musicista Moni Ovadia, il produttore teatrale Angelo Tumminelli e ancora la violoncellista Riviera Lazeri, il giornalista Marcello Micci e la compagna di Sgarbi, Sabrina Colle. Gli artisti sono stati ospitati presso il suggestivo hotel Villa Cosilinum, dove la famiglia Cancellaro ha accolto con professionalità e deliziato i palati degli ospiti “speciali” con piatti tipici locali, il tutto accompagnato da cortesia e gentilezza. Grazie alla posizione centrale dell’Hotel Villa Cosilinum, gli ospiti hanno avuto modo di muoversi con semplicità per le strade del paese e visitare i monumenti di Padula: la Chiesa madre di San Michele Arcangelo, il Museo Joe Petrosino e la chiesa di San Nicola De’ Domnis. Gli artisti hanno apprezzato l’accoglienza padulese ed in particolare quella della famiglia Cancellaro, ed hanno potuto,inoltre, ammirare dalla terrazza di Villa Cosilinum tutta la valle respirando l’odore della natura e quello proveniente dalle cucine delle massaie. Un soggiorno che ha permesso loro di fare un tuffo nel passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#